Excite

Daniele Seccarecci: morto di infarto il body builder che confessò l'uso di steroidi

  • Facebook

E' stato trovato nella cucina di un residence a Lama (Taranto), riverso in terra con una macchia di sangue dietro la testa: il campione di body building Daniele Seccarecci, 33 anni, culturista italiano noto in tutto il mondo, potrebbe essere morto in seguito ad una caduta per un malore, forse un infarto.

Pietro Taricone: "Ho fatto uso di doping per scolpire il mio fisico"

Originario di Livorno ma residente a Taranto, l'atleta era tornato lunedì scorso dalla Finlandia, dove aveva partecipato ad alcune rassegne di body building: la sua carriera nel settore, iniziata oltre dieci anni fa, lo aveva portato a vincere in campo juniores il Gran Prix Venice Beach e il Campionato Italiano Ifbb, sfiorando nel 2006 la qualificazione alla più importante manifestazione mondiale di culturismo, Mister Olimpya.

Seccarecci è sttao ritrovato cadavere dalla madre, che ha aperto la porta della stanza del residence dove abitava il figlio e lo ha visto disteso in una pozza di sangue sul pavimento della cucina. Non sono ancora chiare le cause del decesso, ma secondo le prime ricostruzioni potrebbe essersi accasciato dopo essersi sentito male ed aver sbattuto la testa. Le prime ipotesi del medico legale non escludono che sia rimasto vittima di un infarto.

L'atleta era noto a livello internazionale per le sue performance: in tv era apparso in diversi programmi dedicati al body building e su Canale5 aveva partecipato anche allo "Show dei record" come uomo con il braccio più grande del mondo. Nella sua carriera da culturista ha ammesso di aver fatto uso di steroidi: nell'ottobre del 2011 fu arrestato nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Milano. A suo carico pendevano le imputazioni di commercializzazione e ricettazione di sostanze dopanti, accuse da cui Seccarecci si è sempre proclamato innocente.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017