Excite

Daria Zhokava seduta su una donna di colore, è polemica in Russia nonostante le scuse

  • Instagram Facebook

Ha chiesto scusa ma le polemiche non si placano riguardo la foto in cui Daria (Dasha) Zhokava, 32 anni, fidanzata del magnate russo Roman Abramovich (patron del Chelsea), gallerista e redattrice della rivista Pop è seduta su una poltrona che è in realtà un manichino che raffigura il corpo di una donna di colore in slip, guanti e stivali di pelle, e a seno nudo. La foto è stata pubblicata, e poi rimossa, su Instagram, ed è apparsa (ora è tagliata, di Daria si vede solo il viso, il manichino è scomparso) dal sito di moda russo Buro247 della fashion blogger Miroslava Duma. Dasha è in jeans e camicia bianca, capelli raccolti, come sorpresa in ufficio al lavoro, completamente a suo agio seduta sulla donna di colore. La gallerista è da anni legata al miliardario russo, da cui ha avuto due figli, ed è la figlia dell'oligarca russo Alexander Zhukov.

Roman Abramovich, relax in Costa Azzurra, le foto

I commenti negativi sono stati una valanga, anche perché il caso ha voluto che l'immagine sia stata diffusa il giorno in cui gli americani celebrano la memoria di Martin Luther King, storico leader del movimento per i diritti civili dei neri, ricorrenza che viene celebrata il terzo lunedì del mese di gennaio. "Non dovrebbero esistere cose del genere", ha scritto Alex Rees, direttore Cosmopolitan.com, "E di certo tali immagini, se esistessero, non dovrebbero essere diffuse". Claire Sulmers, direttrice di FashionBombDaily.com, è stata la prima a criticare l’immagine: "La supremazia bianca viene qui presentata in maniera serena quantodegradante". E ha aggiunto che "le industrie della moda e dell'arte sono i pochi bastioni della società nei quali il razzismo e l'ignoranza sono ancora accettati in nome della creatività".

Abramovich, uno yacht con raggi laser contro i curiosi

La Zhukova si è subito scusata: "Aborro il razzismo e vorrei chiedere scusa a tutti coloro che sono stati offesi da questa immagine". Ha poi aggiunto che la foto è "un'opera d'arte destinata a descrivere la politica razziale e di genere". Il manichino è nero e femmina appositamente, per far riflettere e provocare. Scuse via Facebook anche da Buro247: "La nostra rivista è contro il razzismo e a tutto ciò che potrebbe umiliare le persone. La sedia presentata nella foto non deve essere vista in alcun modo se non come un pezzo di arte contemporanea. Ci scusiamo se abbiamo offeso i nostri lettori". Andrei Yerofeev, artista russo in passato a sua volta accusato di incitamento all'odio religioso, sul sito Gazeta ha difeso la scelta: "L'arte contemporanea serve alla critica". Ha poi ricordato che la sedia della foto è ispirata alle opere dell'artista pop britannico Allen Jones (che usò una donna bianca).

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017