Excite

Delitto di Cogne, no ai domiciliari per Annamaria Franzoni

  • Infophoto

Annamaria Franzoni, la 'mamma di Cogne' arrestata e condannata per l'uccisione del figlio Samuele Lorenzi, resta in carcere: il tribunale di Sorveglianza di Bologna ha risposto di no alla richiesta della donna di poter scontare il resto della pena in regime di detenzione domiciliare per assistere uno dei suoi due bambini perché "decaduta dalla potestà genitoriale".

Video, l'intervista all'avvocato della Franzoni, Paola Savio

E' la terza volta che la Franzoni, in prigione dal 21 maggio 2008, si vede negare la possibilità di tornare a casa: la prima risale all'agosto del 2010, quando aveva chiesto un permesso per assistere il suocero gravemente malato e poi successivamente deceduto, e la seconda a luglio di quest'anno, con parere negativo espresso dalla Corte di cassazione. L'organismo che vigila sulla legittimità delle sentenze emesse dalla magistratura italiana ha rigettato la possibilità per la donna di godere di permessi premio per almeno ancora quattro anni per "la gravità del reato commesso" e per la normativa dell'Ordinamento penitenziario nei confronti dei detenuti pericolosi.

Secondo quanto rilevato dalla Prima sezione penale della Cassazione, infatti, per Annamaria Franzoni vale il cosiddetto principio della 'preclusione temporale': in caso di reati mafia, terrorismo o di gravità analoga a quello commesso dalla 'mamma di Cogne', prima di poter provare a chiedere di trascorrere tre giorni al mese con la famiglia i detenuti devono aver scontato "almeno metà della pena".

Un traguardo non raggiunto dalla Franzoni, che dopo la condanna in primo grado nel 2004 a 30 anni di reclusione, la riduzione della pena nel 2007 a 16 a opera della Corte di cassazione e la successiva conferma da parte della stessa del periodo da scontare, è stata condotta in carcere il 21 maggio del 2008 e dunque, attualmente, si trova ad aver trascorso in prigione poco più di quattro anni. Per vedere accolte le sue richieste, la donna dovrà aspettare all'incirca altri quattro anni.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017