Excite

Delitto di perugia, la parola ad Amanda Knox

Ieri pomeriggio l'americana Amanda Knox, accusata insieme a Raffaele Sollecito dell'assassionio dell'inglese Meredith Kercher, ha offerto una dichiarazione spontanea nel corso del processo per il delitto di Perugia. Dopo le repliche dei suoi difensori la Knox, commossa, ha detto: "Ho paura di avere una maschera da assassina forzata sulla mia pelle".

Come sottolineato da Il Corriere della Sera l'americana ha ringraziato la famiglia e gli amici e poi ha aggiunto: "Ringrazio l'accusa che sta facendo il suo lavoro anche se non capisce. Sta cercando di portare giustizia a una persona tolta dal mondo. Mi è venuta in mente una domanda che ho scritto su foglio bianco: come riesci a stare così tranquilla? Ma io non sono calma. Ho già scritto che ho paura di perdere me stessa e di essere definita come non sono... Tanti mi dicono che se fossero in questa situazione si strapperebbero i capelli e farebbero a pezzi la cella. Io non lo faccio, non mi butto giù, respiro e cerco di trovare il positivo. Ora si fa la decisione. Davanti a voi mi sento vulnerabile".

La sentenza è attesa per oggi. Nel frattempo il New York Times definisce il processo in corso un "insulto" e lo paragona alla "abitudine italiana di salvare la faccia". Il giornalista del New York Times ha scritto: "Se solo applicassero gli standard di uno stato di diritto il verdetto sarebbe ovvio".

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016