Excite

Derrick, eseguito testamento biologico

La moglie di Horst Tappert, l'amato ispettore Derrick, deceduto il 13 dicembre a 85 anni, ha detto di aver consegnato ai medici il testamento biologico che, qualche anno prima, aveva firmato insieme al marito e di aver così eseguito quelle che erano le sue volontà. La moglie, Frau Ursula, 80 anni, ha spiegato: "Quando ho visto che le sue condizioni peggioravano di giorno in giorno, che non riusciva a parlare, e che non aveva più percezione di nulla, e quando prendevo la sua mano non la sentiva, ho consegnato ai medici curanti il testamento biologico, che avevamo firmato insieme alcuni anni fa".

Nel corso di una delle sue ultime interviste, Tappert aveva affermato: "La morte è una buona cosa". La moglie Usrula ha poi raccontato: "I medici hanno tentato di salvarlo fino all'ultimo, tentando di tutto. Mio marito amava la vita, ma voleva vivere in piena coscienza e con dignità. Abbiamo dovuto constatare che ormai tutto era inutile e ho deciso di rispettare le sue volontà. Ora tocca a me scrivere il mio testamento biologico. Credevo che il documento lasciato da Horst riguardasse anche me — ha aggiunto la donna — ma mi hanno spiegato che mi sbagliavo. Penso che la sua scelta sia stata giusta. Anch'io desidero morire con onore, come mio marito. Temo che adesso le mie rivelazioni faranno scandalo e scateneranno un'ondata di proteste. Ma io non ho dubbi. Nessuno può essere costretto a sopravvivere in condizioni inumane. Ci sono pazienti che vengono tenuti in vita artificialmente. Grazie ai macchinari il cuore batte e i polmoni respirano, per anni e anni. E' solo apparenza. Non bisogna rimanere vittime di una pratica crudele. Ho voluto che venisse risparmiata al mio Horst".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016