Excite

Discarica Riano, "No" dei cittadini: pronta la protesta

  • Infophoto

Dopo la bocciatura di Corcolle come sito per la nuova discarica di Roma, in sostituzione della stracolma Malagrotta, anche l'ultima proposta avanzata dal commissario prefettizio Goffredo Sottile al termine di una riunione con il ministro dell'Ambiente Corrado Clini, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti e il presidente della Regione Lazio Renata Polverini è stata respinta con veemenza dai cittadini e dalle autorità che li appoggiano.

Secondo le ultime notizie, la scelta è infatti caduta su Pian dell'Olmo, località situata all'estrema periferia settentrionale di Roma, al confine con il paese di Riano, che tramite l'amministrazione locale si è immediatamente fatto portavoce delle proteste contro il nuovo sito individuato nel corso dell'incontro tenutosi ieri al Ministero dell'Ambiente.

"Si tratta di una scelta, non dico obbligata, ma che reputo giusta perché ovunque si decide di fare una discarica ci sono delle proteste", ha dichiarato il commissario prefettizio Sottile, aggiungendo che Pian dell'Olmo è risultato "tra i siti quello che aveva le maggiori caratteristiche" e cercando di tranquillizzare i cittadini spiegando che "la capacità della discarica provvisoria è una capacità limitata, bisognerà assolutamente potenziare i Tmb per il talquale e va detto, a chiare lettere, che una discarica ben gestita non è dannosa. Lo ripeto: deve essere ben gestita e controllata".

Rassicurazioni che non sembrano fare presa sugli abitanti di Riano, convinti che l'area scelta sia inadeguata perché troppo vicina alla zona di esondazione del Tevere, e quindi a forte rischio idrogeologico, come conferma anche il consigliere regionale del Lazio, Carlo Lucherini (Pd): "Pian dell'Olmo è già stato dichiarato non idoneo per vincoli ambientali, paesaggistici e per il no espresso dell'autorità di Bacino del Tevere. La ex cava è vicinissima al Tevere e ricade nella zona di esondazione del fiume. Inoltre si trova a poche centinaia di metri dall'abitato di Riano, ben all'interno dei limiti previsti dalla legge".

Un parere negativo condiviso anche dal deputato e coordinatore del Pdl di Roma, Gianni Sammarco, per il quale la designazione di Pian dell'Olmo dopo Corcolle significa "passare dalla padella nella brace", e sostenuto pure dall'assessore all'Ambiente della Regione, Giuseppe Cangemi: "costi quel che costi, sono fortemente contrario all'ipotesi".

Da parte sua, il sindaco di Riano, Marinella Riccieri, dice di essersi sentita tradita dal ministro Clini e dopo avere bollato la scelta di Pian dell'Olmo come "senza senso", annuncia battaglia: "siamo pronti a proteste eclatanti. Non è più il tempo del buon senso, non è più il tempo di essere civili come istituzioni visto che quelli sopra di noi non lo sono stati. Da tempo abbiamo chiesto un incontro e non c'è mai stato: andremo a farci ricevere". Una posizione che è anche quella del vicesindaco, Italo Arcuri, che da davanti alla sede del Ministero afferma: "ora andiamo a Pian dell'Olmo e decideremo di fare qualcosa di eclatante. L'arroganza ha avuto per adesso la meglio, faremo capire di che pasta siamo fatti a difesa della civiltà del paese".

Minacce che hanno avuto immediatamente seguito nell'occupazione, da parte di 500 abitanti di Riano, della via Tiberina, all'altezza del Km 7.500. Intenzione dei manifestanti, alcuni dei quali incatenati, è di dare vita a un "presidio permanente", come conferma Gianluca Crostella, del comitato 'Riano no discarica': "qui non passerà nessun camion, i cittadini non hanno alcuna intenzione di muoversi. Ci sarà un presidio permanente. Finora abbiamo sempre rispettato la legalità e vogliamo che le istituzioni facciano lo stesso".

Bartoli Giovanna Elisa

no alla discarica !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

2012-06-09 11:56:28

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014