Excite

Domenico Maurantonio morto per scherzo finito male? Anonimo in chat: "Volato giù mentre amici lo tenevano"

  • Twitter @CityNews_it

Non indossava indumenti intimi nè pantaloni Domenico Maurantonio al momento della caduta nel cortile dell’hotel Leonardo di Milano dove si è verificato l’incidente mortale nella notte tra sabato 9 e domenica 10 maggio.

Studente veneto morto in gita a Milano, le prime ammissioni dei compagni di scuola

Il particolare, emerso dopo le perizie effettuate sul corpo del ragazzo di 19 anni precipitato al suolo dal quinto piano dell’albergo, sembra accreditare a distanza di poche ore dallo “scoop” di Chi l’ha visto la tesi di un anonimo testimone che aveva scritto sulla chat di WhatsApp un messaggio rivelatore della reale dinamica dei fatti.

Lo studente veneto, in gita nel capoluogo lombardo per visitare Expo 2015 coi compagni di scuola e gli insegnanti, potrebbe aver pertanto preso parte ad uno scherzo di natura goliardica finito male, come ipotizzato dagli inquirenti in un primo momento, anche se la pista principale fino a pochi giorni fa portava in una direzione diversa.

Mettendo a confronto i racconti dei testimoni con la conversazione privata mostrata durante il programma di Rai Tre condotta da Federica Sciarelli, gli investigatori potrebbero a breve fare chiarezza sulle cause del decesso di Domenico Maurantonio, orientando l’inchiesta verso sviluppi forse inattesi alla luce degli ultimi elementi finiti sul tavolo della Procura.

(Indagini a Padova e Milano sulla morte di Domenico Maurantonio: svolta vicina?)

“Se ti dico cos’è successo in hotel non ci credi” recitava il primo messaggio di testo scritto via smartphone su WhatsApp da una persona probabilmente interna all’albergo milanese all’interlocutore il giorno seguente alla tragedia costata la vita al 19enne di Padova.

Scioccante il racconto dei fatti del 10 maggio che viene fuori dalla schermata resa pubblica da Chi l’ha visto? ieri sera: “I ragazzi della scuola di Padova si sono ubriacati e hanno deciso di fare scherzoni” si legge nella chat, “uno di loro per fare il figo decide di mettersi sul cornicione della finestra per defecare, si fa tenere dalle braccia e a un certo punto vola giù…morto!”.

Lo stesso anonimo testimone afferma inoltre che i compagni di scuola di Domenico Maurantonio, al termine del drammatico episodio, “sono tornati in stanza e non hanno detto nulla a nessuno”, mentre “il corpo è stato trovato il mattino dopo”.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017