Excite

'Don Matteo': attrice nera rimossa dalla fiction

"Ero la prima carabiniera di colore della televisione, un evento, il mio personaggio è scomparso, dopo le prime puntate. È mobbing", dice Shukri Said, ex Miss Somalia laureata in zootecnia con un curriculum di modella e attrice, da quindici anni in Italia, che ha visto eliminare il suo personaggio solo dopo qualche puntata dalla seguitissima serie tv 'Don Matteo', inoda su Rai1.

Vestita in divisa, era l'appuntato Jamila, il primo carabiniere di colore nella fiction italiana: perfettamente in linea con il monito del ministro Amato che, un anno fa, esortava Rai e Mediaset a favorire l'integrazione razziale.

"L'idea di creare la carabiniera è stata della Rai, neanche della casa di produzione, la Lux che in questa serie lavora affiancata a Raiuno. Il ministro Amato disse alla televisione: 'L'Italia è un paese multietnico ed è ora che anche gli enti pubblici prendano atto di questo fatto'. Io ho fatto il provino e l'ho superato come personaggio fisso. All'inizio mi riprendevano solo da lontano, restavo tutto il giorno ad aspettare, dicevo al massimo mezza battuta, un 'buongiorno di corsa'", ha raccontato la bella attrice.

Shukri Said ha messo il suo caso in mano a un avvocato per far valere i suoi diritti, farà causa alla Lux Vide e alla Rai per mobbing: "Tutti mi dicevano di non far niente, che poi non avrei lavorato più, ma io non sono una che subisco, lotto per la mia professione e se posso per qualcosa di utile per la società".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016