Excite

Dopo aver visto "Il codice Da Vinci" accoltella il prete

Nella Chiesa di Santa Marcella, nel quartiere San Saba a Roma, uno studente di 25 anni, Marco Luzi, ha accoltellato ieri il parroco, Don Canio 68 anni, e ferito altre 3 persone. Secondo gli agenti della Squadra mobile della Questura di Roma a spingere il giovane al folle gesto sarebbe stata la visione de "Il codice Da Vinci", trasmesso la sera prima in televisione, oltre all'interesse per alcuni scritti sull'anticristo trovati nella sua abitazione.

Gli agenti, che lo hanno fermato in via dei Cerchi, hanno trovato nelle tasche del ragazzo alcuni biglietti con sù scritto "questo è solo l'inizio 666" e i numeri dei centralini di alcuni quotidiani, tra questi l'Osservatore Romano. "Sono confuso. Le voci mi hanno detto di agire così" queste le parole di Luzi, che studia medicina, dopo l'arresto.

Una donna, testimone dell'episodio, ha raccontato che il ragazzo era in preda a un raptus di follia. "È entrato gridando 'datemi le chiavi della macchin', poi li ha aggrediti con un coltello - ha raccontato la testimone - quel ragazzo, un italiano che non avevo mai visto prima, sembrava non essere in sé. Al momento dell'aggressione io ero al piano di sopra, sono stata richiamata dalle grida di don Canio".

Don Canio, che è stato colpito alla base del collo, è stato sottoposto a circa sei ore di intervento chirurgico. Ora è ricoverato nel reparto di rianimazione del Cto in stato di coma farmacologico.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016