Excite

Elezione nuovo Papa: Conclave condizionato dai media? Bertone: "Scrivono falsità"

  • Getty Images

Cardinali sotto assedio. Conclave a rischio condizionamento. La Segreteria di Stato della Santa Sede ci va giù pesante con la stampa e i media, colpevoli di diffondere "notizie spesso non verificate, o non verificabili, o addirittura false, anche con grave danno di persone e istituzioni", per 'influenzare' i cardinali che parteciperanno al Conclave per l'elezione del nuovo Papa.

Tutte le notizie sulle dimissioni di Papa Benedetto XVI

La comunicazione, diffusa questa mattina, attacca duramente gli organi di informazione, che secondo il Vaticano starebbero tentando di "mettere in gioco il peso dell'opinione pubblica, spesso sulla base di valutazioni che non colgono l'aspetto tipicamente spirituale del momento che la Chiesa sta vivendo", col fine ultimo di condizionare le scelte dei vescovi chiamati a designare il successore di Papa Benedetto XVI.

Se in passato, dunque, "sono state le cosiddette potenze, cioè gli Stati, a cercare di far valere il proprio condizionamento nell'elezione del Papa", oggi invece sarebbero i media a influire sull'andamento del Conclave, agendo sull'opinione pubblica. Un condizionamento che secondo la Segreteria di Stato della Santa Sede sarebbe operato con la diffusione di notizie come quelle relative allo scandalo Vatileaks, alle presunte lotte di potere e denaro che avrebbero spinto Papa Ratzinger a dimettersi, e alla vicenda del numero due del cardinale Tarcisio Bertone, Ettore Balestrero, ufficialmente promosso a nunzio in Colombia, ma intanto allontanato dalla Curia.

Roger Mahony, cardinale scandalo pedofilia USA al Conclave: esplode la polemica

Un giudizio condiviso anche dal portavoce della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, che è intervenuto sul caso affermando che esistono "molti tipi di informazioni diverse" e "rapporti che parlano della Chiesa in un modo molto negativo, che non corrisponde alla realtà".

E mentre la Chiesa fa quadrato intorno ai suoi cardinali, in quello che definisce un "momento delicato", a soffiare sul fuoco arriva il contestatissimo cardinale Roger Mahony, che nonostante le polemiche e una petizione per chiedere la sua estromissione dal Conclave ha confermato invece che ci sarà: "Poche, brevi ore prima della mia partenza per Roma", ha scritto l'alto prelato su Twitter, aggiungendo (pure) che continuerà a inviare i suoi cinguettii "spesso, ma non durante il Conclave".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017