Excite

Emergenza rifiuti a Napoli, autobus in fiamme

Continua l'emergenza rifiuti in Campania e in particolare a Napoli, dove alcuni manifestanti hanno provocato numerosi disordini anche questa notte. Sotto accusa la riapertura di un sito di stoccaggio.

Le proteste hanno interessato il quartiere di Pianura, dove questa notte è stato dato fuoco a centinaia di cumuli di rifiuti. Non solo: un autobus di linea dell'Anm è stato incendiato, e il conducente che era a bordo del mezzo è stato portato all'Ospedale San Paolo in stato di shock. Un pompiere è rimasto ferito in modo non grave da un esplosione di un petardo, mentre stava spegnendo un rogo appiccato dai manifestanti. Un tratto della ferrovia Cumana è stato occupato causando ulteriori disagi, così come quelli provocati da una catena umana che ha bloccato il traffico nel quartiere occidentale della città. Guarda le immagini delle proteste a Pianura.

A Pianura la situazione è ora ancora critica, con 200 persone delle forze dell'ordine a presidio del sito di stoccaggio in zona Contrada Pisani, attivo per 40 anni ma poi chiuso nel 1996. Da stanotte la discarica è di nuovo attiva, e sarà a regime tra due giorni. Secondo il commissariato straordinario per i rifiuti Umberto Cimmino questa riapertura, ampiamente criticata dalla popolazione locale e dallo stesso sindaco Iervolino, potrà finalmente sanare l'emergenza. Il Viminale ha deciso per la linea dura, e già ieri ci sono state cariche di allegerimento per rimuovere i blocchi in Via Montagna Spaccata.

Nel frattempo è arrivato anche il (nuovo) richiamo dell'Unione Europea: "Seguiamo molto da vicino la situazione in Campania, e nei prossimi giorni valuteremo se prendere nuove decisioni e adottare nuove misure", ha detto Barbara Helfferich, la portavoce del commissario Ue all'Ambiente Stavros Dimas. Non si escludono pesanti decisioni, che verranno prese a partire dal 7 gennaio, quando riprenderanno i lavori della Commissione. Da Bruxelles ancora si attende una risposta da parte del Governo italiano.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016