Excite

Entro il 2015 solo carte di credito e bancomat per i pagamenti

Secondo gli esperti entro il 2015 il "denaro elettronico" prenderà il posto dei contanti. Niente più monete e banconote, quindi, nei portafogli degli italiani. A prendere il loro posto le carte di credito. Almeno secondo un rapporto dell'Apacs, l'associazione inglese per i servizi di pagamento.

I dati della Banca centrale europea sembrano confermare tale teoria. Dal 2002 le transazioni cashless sono cresciute del 7 per cento annuo. Primi sostituti dei contanti le carte di credito, seguite dai bonifici e, infine, dagli addebiti diretti. Per le piccole spese, tuttavia, banconote e monete rimangono il mezzo di pagamento prediletto.

Secondo gli esperti basta convincere i consumatori ad utilizzare il "denaro elettronico" anche per le spese di minore entità e per farlo è sufficiente inserire nelle carte di credito e nel bancomat un chip che, passato su un apposito lettore, farà scattare immediatamente la transazione. Si tratta dei cosiddetti "pagamenti contactless".

E presto anche il telefonino si potrebbe trasformare in un dispositivo contactless. In parte già lo è, basta pensare al fatto che in alcune città italiane attraverso il cellulare è possibile pagare il biglietto dell'autobus e il parcheggio.

L'Italia è ancora un po' indietro. Nel nostro Paese, infatti, oltre il 90 per cento delle transazioni avviene ancora con le banconote. Ma secondo il responsabile dei servizi di pagameto retail presso l'Abi, Alessandro Zollo, "i pagamenti contactless sono la nuova frontiera". Zollo ha spiegato che "immaginare la fine del contante oggi è fantascienza, ma se consideriamo che nel resto d'Europa un terzo dei pagamenti è già cashless, i margini di progresso anche per l'Italia sono notevoli".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016