Excite

Novi Ligure, Erika pensa a una famiglia

Manca solo un anno alla sua scarcerazione e lei pensa al suo futuro. Sono passati dieci anni da quando Erika De Nardo è finita in carcere per l'omicidio di sua madre Susanna e del suo fratellino Gianluca, commesso con l'aiuto dell'allora fidanzato Omar Favaro, uscito di prigione un anno fa (leggi la notizia). Adesso Eika, che ha quasi 27 anni, desidera una famiglia.

Come si legge su La Repubblica, a chi l'ha incontrata questi giorni Erika ha detto: 'Voglio una vita normale, devo ricostruire, devo recuperare il tempo. E quando sarò fuori, voglio una famiglia e dei figli'. Erika, che il 21 febbraio 2001 ha stroncato la vita della mamma e del fratello con 97 coltellate, si è laureata l'anno scorso in filosofia con 110 e lode e adesso lavora in prigione alla cooperativa interna. Secondo molti è una donna 'pacificata', ma nel 2006 il giudice le ha rifiutato la libertà condizionale 'perché non appare ravveduta'.

Se oggi Erika sembra diverssa, una ragazza posata e tranquilla, nella sua vita c'è un'ombra che mai andrà via ed il movente che l'ha spinta a commettere un omicidio tanto efferato è ancora un mistero. Negli atti i giudici hanno scritto: 'Due omicidi che per efferatezza, per il contesto, per la personalità degli autori e per l'apparente assenza di un comprensibile movente, si pongono come uno degli episodi più drammaticamente inquietanti della storia giudiziaria del nostro Paese'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017