Excite

Evaso boss della 'ndrangheta Antonio Pelle

  • LaPresse

E' evaso nel pomeriggio di ieri dall'ospedale di Locri, dove era ricoverato da cinque giorni, il boss della 'ndrangheta Antonio Pelle, 49 anni. Pelle è ritenuto il capo dell'omonimo clan di San Luca protagonista della faida culminata nella strage di Duisburg. Il boss è stato condannato a 13 anni per l'inchiesta Fehida, che ha riguardato gli scontri tra le famiglie Nirta-Strangio e Pelle-Vottari culminati proprio nella strage di Duisburg. Pelle, anche detto 'vancheddu', è conosciuto come 'la mamma'.

Nell'ospedale di Locri il boss della 'ndrangheta non era piantonato, ma sottoposto a controlli delle forze dell'ordine in vari momenti del giorno. I magistrati di Reggio Calabria e Locri hanno subito fatto scattare le indagini per appurare eventuali responsabilità. Pelle, che stava scontando la condanna a 13 anni di reclusione per associazione mafiosa, nell'aprile scorso aveva ottenuto gli arresti domiciliari per gravi motivi di salute su decisione della Corte d'appello di Reggio Calabria. Il suo arresto risale al 15 ottobre del 2008. Per oltre un anno il boss è stato latitante.

Il vicesegretario dell'Udc Mario Tassone, componente della commissione Antimafia, ha detto: 'L'evasione del boss Pelle dall'ospedale di Locri è un episodio gravissimo su cui va fatta immediata chiarezza. E' inammissibile che per una leggerezza del genere si possa pregiudicare e mortificare lo straordinario lavoro compiuto in questi anni da magistrati e forze dell'ordine contro una delle faide più pericolose e sanguinarie del panorama criminale internazionale, come quella di San Luca. Chiediamo al governo di dare spiegazioni sull'accaduto al Parlamento e al Paese'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017