Excite

Fa uccidere gatto dalla figlia, condannato a 18 mesi

Severa presa di posizione da parte di un giudice americano dello stato dell' Indiana che ha condannato un uomo di 39 anni, Danield J. Collins,a 18 mesi di reclusione per aver obbligato la figlia di 7 anni a uccidere Boots, il gatto di famiglia, con diverse pugnalate.

"Sono costernato" ha dichiarato l'uomo in aula "è accaduto qualcosa di molto spiacevole e la colpa è solo mia. Volevo insegnare i miei figli ad uccidere. Ho sbagliato". Il giudice ha inflitto all'uomo anche il divieto di accudire animali.

La custodia della bambina e del fratello maggiore di 11 anni è affidata ai nonni. Arrivati a casa si sono subito resi conto dello stato di alterazione, dovuto all'alcol, in cui si trovava il padre. "Papà quando è ubriaco è un'altra persona" hanno raccontato i figli. Collins, dopo aver ricevuto un primo rifiuto, ha costretto la bambina prima a pugnalare e poi a strangolare il povero gatto, il cui cadavere, ha raccontato ancora Collins, è stato gettato nella spazzatura dal figlio maggiore.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016