Excite

Fabrizio Corona, chiesti i domiciliari dalla difesa. Tra una settimana la decisione, l’ex pararazzo: "Sto male"

  • Twitter @MarchettiGiulia

Verrà resa nota con ogni probabilità entro la prossima settimana la decisione del Tribunale di Sorveglianza sull’eventuale concessione degli arresti domiciliari all’ex re dei paparazzi Fabrizio Corona, in carcere per diverse condanne ad una pena complessiva di 9 anni e 8 mesi di reclusione.

Corona in carcere, l’incubo senza fine dell’ex re dei paparazzi: “Tanti nemici ad Opera”

L’udienza di stamattina ha consentito alla difesa di formalizzare la richiesta ai magistrati, ma il sostituto procuratore generale di Milano ha confermato parere contrario rispetto all’ipotesi che il detenuto esca dal carcere di Opera, in attesa che il collegio giudicante si esprima entro la fine di gennaio.

Presente in aula per assistere al dibattimento, il fotografo dei vip ha rinnovato l’appello per una “nuova opportunità necessaria a guarire da una condizione psicologica sempre più difficile, sostenuto in tale battaglia dall’avvocato Ivano Chiesa.

Sto male, ho seri problemi psicologici” si è spinto ad ammettere Fabrizio Corona davanti ai giudici milanesi, prima di guadagnare l’uscita del tribunale dai corridoi laterali del Palazzo di Giustizia in compagnia delle guardie penitenziarie, per poi fare ritorno in cella ad Opera.

(Appello per la concessione degli arresti domiciliari a Corona, i fans in tribunale)

La richiesta di grazia, almeno in forma parziale ovvero con la cancellazione della parte di pena ancora da scontare in relazione alla condanna per il “foto-ricatto” ai danni del calciatore della Juventus David Trezeguet, è stata rinnovata dai difensori legali ed espressamente inoltrata al “nuovo presidente della Repubblica che sarà eletto” tra pochi giorni.

Non essendo il soggetto in questione “pericoloso, come affermato dalla Corte di Cassazione di recente, l’avvocato Chiesa ha ribadito la richiesta di aprire le porte del carcere concedendo i domiciliari al detenuto, definito “uomo intelligente”, capace di ammettere le proprie colpe e di “comportarsi da galantuomo di fronte all’autorità giudiziaria.

Non sono mancati, a margine dell’udienza di oggi nel Palazzo di Giustizia di Milano, applausi e cori di incitamento a favore di Fabrizio Corona, invitato da alcuni cittadini a “non mollare”.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017