Excite

Fabrizio Corona, motivazioni sentenza Cassazione: "E' un criminale pericoloso"

  • Getty Images

La scure della Cassazione si abbatte inesorabilmente sulla difesa di Fabrizio Corona, al quale sembrano poter rimanere poche speranze di riduzione della pena e di uscita dal carcere entro pochi anni.

Fabrizio Corona durissimo con Nina Moric: "Ti sei ripetutamente lasciata andare"

L’impianto accusatorio messo in piedi dalla magistratura inquirente e recepito nelle sentenze di primo e secondo grado, fino alla condanna a 15 anni complessivi di reclusione comminata dalla Corte d’Appello di Milano un anno fa per reati di vario tipo, ha trovato autorevole conferma nelle motivazioni che hanno spinto la Suprema Corte a dare l’ok al mantenimento del regime di sorveglianza speciale per l’ex fotografo dei vip.

Parole chiare e dal significato inequivocabile, quelle scelte dai giudici per descrivere la figura di Corona, accusato di comportamenti inclini alla violazione di qualsiasi regola di convivenza civile” oltre che di un modus vivendi pericoloso con l’aggravante delle “frequentazioni criminali” e dei numerosi precedenti penali accumulati prima e durante le vicende giudiziarie culminate nella sentenza del 2013 e destinate a non concludersi in tempi brevi.

Decisivi, nonostante il tentativo dei legali di parte di dimostrarne la scarsa rilevanza nell’economia del giudizio, si sono rivelati alcuni episodi ritenuti indizi incontrovertibili di una condotta priva di scrupoli” del personaggio in questione, in primis perché rivelatori di una costante ricerca di “facili e illeciti guadagni volti a mantenere ad ogni costo “un tenore di vita lussuoso”.

Non solo l’aver messo in atto i famosi foto-ricatti tramite pratiche di estorsione e ricettazione ai danni dei clienti, ma anche l’essersi reso protagonista di reati di altro genere come truffa, evasione fiscale e (in più riprese) “spendita di moneta falsificata per diverse migliaia di euro, hanno reso agli occhi della giustizia italiana l’imputato Fabrizio Corona una persona dalla perdurante pericolosità sociale.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017