Excite

Fine del mondo, scommesse e ironia su Twitter: "In Nuova Zelanda stiamo da favola"

  • YouTube

Ci siamo. Mancano poche ore e l'umanità saprà se i Maya ci hanno azzeccato, con la loro catastrofica previsione, o se hanno clamorosamente toppato. Intanto nell'altro emisfero la fine del mondo dovrebbe essere già in corso, ma il condizionale è d'obbligo perché, come comunicano puntigliosi gli utenti di Twitter: "In Nuova Zelanda è già il 21 e tutto va bene! Yo! #lafinedelmondo" (@FelinoAlbino).

Fine del mondo, Putin sicuro: "Tra 4.5 miliardi di anni"

Dunque, almeno per il momento, di eventi apocalittici neppure l'ombra, anche se come nota sagacemente @RudyBandiera potrebbe essere tutta colpa di un misunderstanding spazio-tempo: "In Nuova Zelanda sono ancora vivi. I #Maya avevano il fuso del Messico". Teoria sostenuta anche da @twittopolis, che cinguetta: "Non vale: in nuova Zelanda non succede nulla perché la catastrofe ci sarà alla fine del'ultimo secondo del 21/12/2012 cioè alle 00 del 22/12". Tutte ipotesi valide, alle quali si affianca anche quella di un certo lassismo da parte di 'chi di dovere', con @Iddio costretto a intervenire in prima persona: "A tutto il personale: nelle isole Fiji è già il 21 da dieci minuti. Vogliamo muoverci? #finedelmondo".

Insomma, vero o no, superstizione o scienza, Twitter è in subbuglio, come dimostrano ben tre ashtag dedicati alla profezia Maya tra i primi dieci: #DomaniNonPossoMorirePerchè, #finedelmondo e Nuova Zelanda. Il tono è per lo più scanzonato, come @PandaYork che scrive: "#domaninonpossomorireperché non ho ancora capito se moriremo tutti insieme o divisi per fuso orario" (con dubbio amletico ricorrente sulla questione del fuso orario), ma non mancano riflessioni serie, tra cui anche qualcuna 'vip': "#DomaniNonPossoMorirePerchè devo girare il mondo con Mia figlia e imparare ad essere un buon padre!", scrive @frafacchinetti.

Il conto alla rovescia dunque è iniziato e domani (qui in Italia) potrebbe essere l'alba dell'ultimo giorno dell'umanità, con l'ora X fissata alle 6 del mattino per chi prende come riferimento la fine del Lungo Computo del calendario Maya (tarato sul fuso orario del Centro America) o alle 12.12 per chi invece fa affidamento sul solstizio di inverno. Chi avrà ragione? Anche in questo caso non resta altro da fare che aspettare, per saperlo, oppure provare a guadagnarci qualcosa e scommettere.

Profezia Maya: la fine del mondo arriva il 21 dicembre. Ed è corsa ai bunker

Incredibile ma vero, i bookmakers non si fermano neppure davanti alla prospettiva della prossima fine del mondo e le scommesse sull'Apocalisse sono l'equivalente, nel settore, delle tendenze su Twitter. Ma su che cosa si punta? In primis sulla data: vista l'incertezza dei calcoli, azzeccare l'Apocalisse il 21 dicembre si gioca a 5 mila, mentre il 31 del mese a 3 mila. A seguire ci sono poi le possibili cause dell'estinzione dell'umanità: la più gettonata è l'epidemia di peste, pagata 'appena' 6 volte la posta, seguita dalla catastrofe nucleare (a 11), dalla pioggia di meteoriti (a 15) e dall'invasione aliena (a 51). L'invasione degli zombie, invece, è la meno probabile e vale ben 100 volta la posta. Roba da matti? Chissà, anche se una cosa è poco chiara fin da ora: ma se viene la fine del mondo, come si fa poi a riscuotere le scommesse?

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017