Excite

Alberto Stasi assolto

Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).
Assolto per insufficienza di prove. Questa è stata la motivazione principale del giudice di Vigevano che è stato convinto dalle nuove perizie. Per la decisione di primo grado, l'unico imputato del delitto Alberto Stasi, non ha ucciso Chiara Poggi il 13 agosto 2007 a Garlasco. Il ragazzo in lacrime ha commentato: "Lo sapevo, l'incubo è finito", "Adesso voglio solo silenzio". Diversa la reazione dei genitori della vittima che hanno subito manifestato la volontà di non voler arrendersi a scoprire la verità (foto: repubblica.it).

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017