Excite

Fiat, rientrano i tre operai ma non tornano a lavoro

Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).
Aria tranquilla ma ricca di tensioni per ora sopite quella che si respira fuori allo stabilimento Fiat di Melfi, dove i tre operai Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, prima licenziati e poi reintegrati dal provvedimento del Giudice del lavoro, hanno avuto la comunicazione dall'azienda di poter rientrane nello stabilimento a patto di non svolgere alcuna attività lavorativa ma solo attività sindacali all'interno di un'apposita saletta. Ecco alcune immagini (foto © LaPresse).

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017