Excite

La mano bionica che comunica con il cervello

Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).
Strepitosi passi avanti nel campo dell'ingegneria biomedica che ha permesso di creare una mano bionica in grado di comunicare con il cervello umano. Attraverso dei sottilissimi elettrodi impiantati direttamente nei nervi del paziente e poi commutati da un centralina, i comandi del cervello vengono poi trasformati in impulsi elettrici che comandano l'arto. Il progetto portato avanti dal' Università Campus Biomedico e Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha dato i risultati sperati e nel giro di pochi anni si ipotizzano perfezionamenti e migliorie che potranno rendere l'arto meccanico pienamente compatibile con il paziente (foto: la stampa.it).

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016