Excite

Maricica, Alessio Burtone portato in carcere

Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)
Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Lo sta imparando a sue spese il giovane 20enne romano Alessio Burtone, che pochi giorni fa ha colpito con un violento pugno in pieno volto l'infermiera rumena Maricica Hahaianu, alla stazione della metro di Anagnina. La donna finisce prima in coma, poi i medici ne dichiarano la morte clinica. Nonostante le scuse del giovane che si è dichiarato pentito e spinto solo dalla paura di un attacco della donna, per lui ora è scattato l'arresto e la misura cautelativa del carcere in sostituzione dell'obbligo di domicilio, visto il pericolo di fuga e inquinamento prove. Nelle foto, l'arresto del giovane portato via dalle forze dell'ordine, tra una folla di abitanti del quartiere che hanno gridato "Alessio libero".
Guarda il video dell'arresto | Guarda il video del pungo nella metropolitana di Anagnina (© LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017