Excite

Renato Vallanzasca, primo giorno di lavoro

Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).
Dopo 40 anni di carcere, il criminale italiano che durante gli anni settanta fu autore di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni, torna in parziale libertà. Grazie infatti all'art. 21 del regolamento penitenziario, Renato Vallanzasca oggi 60enne, può usufruisce di un permesso speciale che gli consente di trascorrere la giornata lavorando nella pelletteria milanese Ecolab, con obbligo di rientro nel carcere di Bollate tutti i giorni alle 19. Eccolo mentre dalla ditta si reca a casa, permesso premio concessogli per stare con i suoi cari (Foto: repubblica.it).

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017