Excite

Roma, Carabiniere uccide la figlia e poi si suicida

Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)
Si chiama Lucio Domenico Cappelli, il maresciallo dei Carabinieri di Subiaco, in provincia di Roma, che in un raptus ha preso la pistola in dotazione ed ha aperto il fuoco contro le figlie di 13 e 15 anni, uccidendone una e ferendo l'altra, per poi suicidarsi. Illeso il figlio di 10 anni che era in casa al momento dell'accaduto. Alla base del gesto, forse una lite scaturita a causa di Facebook. Ecco le immagini scattate sul luogo dell'omicidio.
Leggi la news (© LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017