Excite

Stonehenge, in 20000 salutano il solstizio d'estate

Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).
Un posto carico di mistero e di forze positive capace di attirare da secoli la curiosità di studiosi e visitatori. Stonehenge, uno dei siti archeologici più famosi al mondo, ha attirato circa 20000 seguaci di religioni neopagane riunitisi durante tutta la notte per salutare il Sole, nel massimo della sua elevazione, avvenuto alle 4.52 (ora britannica), nel giorno in cui il solstizio d'estate arriva nell'emisfero nord del globo. Tra canti, tamburi e costumi caratteristici che hanno invaso la piana di Salisbury, a ovest di Londra, si ripete un culto che ha origini antiche, uno dei festival pagani più popolari in Gran Bretagna (foto © LaPresse).

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017