Excite

Francesca Di Grazia e Martina Incocciati, madre e figlia uccise in casa: giallo a Latina

  • Facebook


Update ore 17.21
Sembrerebbe risolto l'efferato duplice omicidio di Francesca Di Grazia e Martina Incocciati. A uccidere le due donne, infatti, sarebbe stato un uomo di nazionalità indiana, legato alla madre da motivi professionali e forse anche sentimentali. Da quanto si apprende, l'assassino si sarebbe recato a casa Di Grazia-Incocciati sabato sera, forse per questioni economiche, e in un raptus avrebbe ucciso la signora Francesca. Dopodiché avrebbe eliminato Martina perché testimone scomoda. La svolta nelle indagini è arrivata dall'esame dei tabulati telefonici e l'uomo, vistosi scoperto, avrebbe confessato il delitto ai carabinieri che lo avevano fermato.

E' mistero sulla morte di Francesca Di Grazia e Martina Incocciati, madre e figlia trovate morte in casa ieri sera, nel piccolo appartamento di piazzale dei Bonificatori che condividevano a Cisterna di Latina. Le due donne - di 56 e 19 anni - presentano profonde ferite da taglio su tutto il corpo e gli inquirenti, intervenuti dietro richiesta di un parente che non riusciva a mettersi in contatto telefonicamente con loro da diverse ore, non escludono ipotesi.

La foto di Martina Incocciati

Se infatti la tesi dell'omicidio-suicidio inizialmente era la più accreditata, in mattinata i carabinieri del comando provinciale di Latina, agli ordini del colonnello Giovanni De Chiara, hanno invece parlato di un duplice delitto "particolarmente efferato". I vicini infatti hanno raccontato di grida provenienti dall'appartamento occupato da Di Grazia e Incocciati (benché qualcuno sostenga che si sia trattata di una lite proprio tra loro due) e per questo gli investigatori al momento indagano a 360°, non scartando nessuna ipotesi: dall'aggressione (pianificata?) alla rapina finita male.

Quello che è certo, è che il corpo della madre è stato rinvenuto in camera da letto con diverse profonde coltellate in tutto il corpo, mentre la figlia era supina in cucina e presentava le stesse ferite. La porta non presentava segni di effrazione. Un insieme di indizi che fa muovere i carabinieri con i piedi di piombo, in cerca della soluzione del bandolo del matassa senza giungere a conclusioni affrettate.

Francesca Di Grazia viveva da sola con la figlia Martina Incocciati nell'appartamento di Cisterna di Latina, preso in affitto da non molto tempo, dopo che si era separata dal marito (che pare si trovi all'estero per lavoro) e le due donne si arrangiavano con lavori saltuari. In particolare, a quanto sembra la madre faceva la cartomante.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017