Excite

Fulco Pratesi: "Lavarsi poco per aiutare la Terra"

Quello dell’Italia risulta essere tra i consumi d’acqua procapite più alti del pianeta, del pianeta, dietro solo a Giappone, Canada, Usa e Australia.

Ogni abitante dello stivale, infatti, consuma poco meno di 250 litri di acqua al giorno, pari a due vasche da bagno. Nei giorni scorsi Fulco Pratesi, presidente del WWF Italia, ha provato a dare alcuni consigli sul come evitare sprechi.
"Non c'è alcuna ragione di utilizzare acqua rigorosamente potabile e batteriologicamente pura per innaffiare orti, giardini, lavare auto e strade. Si può utilizzare acqua riciclata o acqua piovana".

Italiani troppo igienisti, ammonisce Pratesi, eccolo così snocciolare suggerimenti che se da un lato potrebbero aiutare a risolvere il problema, dall’altro ne causerebbero altri. Questa volta di tipo olfattivo: "Un solo bagno il sabato mattina consente di risparmiare molta acqua, senza pregiudicare l’odorato dei vicini". Sull’ultimo punto non ci giureremmo. "Un rapido esame della biancheria - spiega ancora Pratesi - consente di giudicare quale capo debba essere cambiato. Le camicie, meglio non bianche e non strette da cravatte, mi possono durare anche tre giorni".

E per quanto riguarda l’underwear il presidente italiano di Wwf ha le idee chiare, quanto opinabili: "Le mutande durano anche qualcosa in più dei tre giorni. La canottiera resiste da un sabato all’altro. Quanto alle calze, d’inverno possono aspettare tre giorni".
E la lavastoviglie? Abolita! "Un rapido passaggio con la spugnetta sotto il rubinetto dell’unico piatto usato, il metodo della “scarpetta” consente di usarlo per la pasta, il secondo, il contorno e la frutta, mi permette di eliminare detersivi e ridurre al minimo l’acqua. Un eventuale residuo di cibo rimasto sul piatto è comunque più sano delle tracce di prodotti chimici".

A giudicare da quanto si è visto nella casa del Gf, c’è qualcuno che già da tempo ha deciso di applicare il decalogo made in Pratesi. Sentite cosa dice Guendalina di Massimo...

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016