Excite

Gemelline scomparse, la mamma chiede aiuto per ritrovarle

La madre delle due gemelline scomparse, Alessia e Livia, non si arrende. Nonostante l'ultima lettera del marito Matthias Shepp, suicidatosi a Cerignola, dicesse 'Le bambine riposano in pace, non hanno sofferto. Non le rivedrai più', la donna, Irina Lucidi, continua le ricerche delle due piccole e con gli investigatori perlustra ogni angolo della Corsica, dove le bimbe sono state viste per l'ultima volta.

Alcune foto delle gemelline scomparse

Parlando, con sofferenza, ai giornalisti la mamma delle due bambine di sei anni ha detto: 'Alessia e Livia sono vive. Sono qui, su quest'isola. E anche io sono qui perché voglio ritrovarle'. Quando i giornalisti le hanno chiesto cosa le faccia credere che siano ancora vive, Irina ha così risposto: 'Sono state viste da più persone. Persone attendibili. Viste in più punti dell'isola. Sono anche gli stessi luoghi dove siamo stati oggi'.

La donna si aspetta di ritrovarle e si dice certa che accadrà. La mamma di Alessia e Livia ha poi raccontato: 'Abbiamo fatto un lungo giro, abbiamo visto anche alcuni dei luoghi dove siamo stati in vacanza con la mia famiglia. Continuerò ad aiutare gli investigatori nelle ricerche. Vorrei che tutti quelli che possono facciano altrettanto. Voglio ringraziare per le tante segnalazioni. Mi appello ancora a tutti, perché c'è bisogno dell'aiuto di tutti'. Con gli occhi colmi di dolore la donna ha affermato: 'Alessia e Livia sono vive. Lo so, lo sento, ne sono sicura. Per favore, aiutatemi a ritrovarle'.

A chiederle di recarsi in Corsica sono stati gli stessi investigatori. Irina, infatti, conosceva il marito, sapeva come pensava e come agiva. Per tale ragione, secondo gli investigatori, la donna è la sola che può guidare le ricerche, che può immaginare i gesti, le scelte ed interpretare le parole e le frasi scritte da Matthias.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017