Excite

Gianluca Monni, studente di Orune ucciso a fucilate mentre aspettava il bus: è caccia ai killer

  • Lastampa.it

Sono in corso nella caserma dell’Arma dei carabinieri di Orune gli interrogatori dei testimoni del brutale omicidio di stamattina, quando nei pressi di una fermata del bus nel piccolo comune sardo è stato ucciso il 19enne Gianluca Monni, colpito a morte dalle fucilate provenienti da un’auto in corsa.

Uccide moglie e figlia, poi avverte i carabinieri: orrore a Pordenone, arrestato 39enne

I killer del giovane, che prima di essere assassinato stava aspettando il pullman diretto alla scuola superiore “Alessandro Volta” di Nuoro, erano a viso coperto al momento dell’azione criminale portata a termine con freddezza in Corso della Repubblica, ma qualche elemento utile alla loro identificazione potrebbe arrivare dalla targa della macchina e da altri riscontri forniti dai ragazzi presenti sul posto.

Gianluca Monni frequentava l’ultimo anno dell’istituto professionale e tra pochi mesi si sarebbe diplomato: sul movente del delitto ancora non si sa nulla, anche se l’alacre lavoro portato avanti dagli investigatori in queste ore potrebbe forse produrre qualche risultato a riguardo in tempi ragionevoli.

(Giovane ucciso in strada a Napoli, la disperazione del padre nel video del Fatto)

I colloqui dei militari dell’Arma capitanati dal comandante Fabio Saddi mirano a mettere insieme i singoli tasselli raccolti dopo i primi interrogatori condotti in mattinata coi compagni di Gianluca Monni e altri testimoni della sparatoria, tutti in attesa dell’autobus diretto a Nuoro nei minuti precedenti al delitto.

L’omicidio è avvenuto intorno alle 7,30 del mattino, orario in cui solitamente la maggioranza degli studenti si dirige verso i vari istituti a piedi o in molti casi coi mezzi pubblici di trasporto, specialmente nelle località periferiche o di provincia meno vicine alle più importanti strutture scolastiche.

La caccia al killer, o meglio agli assassini che secondo le testimonianze finora pervenute alle autorità potrebbero essere almeno due (le fucilate probabilmente sono state esplose da armi differenti), è appena cominciata e in molti a Orune sperano che su tale atroce crimine ai danni di un giovane poco più che maggiorenne venga presto fatta giustizia.

Stando alle ultime indiscrezioni riprese da alcuni autorevoli organi d'informazione locale, sembra che Monni avesse recentemente difeso la fidanzata in un'accesa lite con persone malintenzionate, circostanza che potrebbe aver scatenato una vendetta a sangue freddo.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017