Excite

Ginevra, raggiunta velocità record nell'acceleratore Lhc

Ieri è tornato in attività l'ormai celebre acceleratore Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra e lo ha fatto ottenendo ottimi risultati. All'interno dell'acceleratore, infatti, sono stati fatti scontrare due fasci di protoni a una velocità molto prossima a quella della luce, ossia 300mila Km/sec. Secondo la Teoria della Relatività speciale, tale velocità costituisce un limite oltre il quale i corpi materiali non possono viaggiare. I protoni si sono scontrati all'energia di 7mila miliardi di elettronvolt (7 TeV), un risultato davvero incredibile.

Il Large Hadron Collider è il più grande e potente acceleratore di particelle del mondo e l'esperimento di ieri ha aperto nuove possibilità di scoperte nell'ambito della fisica e, ancor di più, nella conoscenza dell'universo. I fasci di particelle hanno prima cominciato ad allinearsi e a sincronizzarsi, fino a sovrapporsi perfettamente; a quel punto sono arrivate le collisioni.

Nel corso della conferenza stampa organizzata dopo l'incredibile esperimento, il direttore scientifico del Cern Sergio Bertolucci ha detto: 'La cosa più eccitante che abbiamo davanti a noi è scoprire l'ignoto'. La coordinatrice dell'esperimento Atlas, Fabiola Gianotti, ha affermato che l'evento di ieri rappresenta 'un punto di arrivo e di partenza per una macchina di tecnologia e complessità senza precedenti che apre una fantastica era per l'esplorazione della fisica'.

In collegamento dal Giappone con il Cern di Ginevra, il direttore generale del Cern Rolf Heuer ha detto: 'E' un momento fantastico per la scienza, comincia una nuova era di scoperte'. Secondo Heuer la ricerca resa possibile dall'Lhc 'non soltanto porterà la scienza a capire da dove veniamo e come si evolverà l'universo, ma sarà di aiuto nell'educare i giovani alla scienza e potrà convincere a investire di più nella scienza sia il mondo dei privati sia l'accademia'.

Ora è il momento di studiare i dati ottenuti. L'acceleratore tornerà in funzione tra un anno cercando di raggiungere collisioni ancora più potenti.

Foto: ansa.it

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017