Excite

Gioielliere ucciso a Roma, fermato sospetto omicida: "E' un 32enne pregiudicato"

  • Getty Images
"I Carabinieri di #Roma hanno fermato a #Latina un pregiudicato 32enne sospettato di essere l'autore dell'omicidio del gioielliere di #Prati". Il tweet del ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha annunciato la svolta nelle indagini dell'uccisione di Giancarlo Nocchia, avvenuta lo scorso 15 luglio in via dei Gracchi in una zona molto centrale della Capitale.

La caccia all'omicida in parrucca iniziata dopo il delitto

Gli inquirenti hanno ricostruito la dinamica: il rapinatore ha trovato resistenza del gioielliere e lo ha ammazzato al termine di una colluttazione. La morte è sopraggiunta in seguito a una ferita alla testa provocata da un colpo inferto con un oggetto contundente. Secondo le prime notizie, quindi, il sospetto assassino è un uomo, originario di Napoli: i carabinieri lo hanno fermato mentre stava prendendo un treno in direzione nord. Con lui c'era un uomo, la cui posizione è sotto osservazione, benché a una prima analisi sembra sia estraneo alla vicenda.

Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, si è complimentato per l'operazione: "Voglio ringraziare, a nome di tutta la città, i carabinieri per l'eccezionale intervento attraverso il quale è stata assicurata alla giustizia la persona che gli elementi a disposizione porterebbero a individuare come il responsabile dell'omicidio di Giancarlo Nocchia, avvenuto nella gioielleria in Prati".

Gli investigatori hanno subito stretto il cerchio intorno al sospetto: i rilievi sulle celle telefoniche e la ricerca di tracce biologiche, rinvenute nella gioielleria di via dei Gracchi, hanno aiutato le indagini insieme alle immagini delle telecamere di sorveglianza. Il massimo riserbo era stato mantenuto proprio per non facilitare la fuga del presunto omicida. E a quanto pare il 32enne stava proprio architettando un modo per sparire.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017