Excite

Giornata internazionale dell'Infanzia 2012: oggi si celebrano i diritti dei minori

  • Facebook

Una giornata dedicata ai bambini di tutto il mondo, alla tutela dei loro diritti fondamentali e alla sensibilizzazione contro ogni forma di abuso e violenza: ogni 20 novembre, a partire dal 1989, si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, nella data in cui venne approvata dall'assemblea generale delle Nazioni Unite la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia. Un caposaldo della tutela dei minori nell’intero percorso di crescita fisica, psicologica e morale, il primo atto giuridicamente rilevante sul tema.

Questo strumento fondamentale per la tutela dei più piccoli è in vigore dal 2 settembre 1990 ed impone obblighi precisi agli Stati e alla comunità internazionale nei confronti dell’infanzia: per la prima volta si parla di bambini in termini di diritti e non solo di protezione, riconoscendo loro un'identità pari a quella degli adulti. Una spinta fortissima all'istituzione di norme internazionali nei confronti dei minori, che hanno riconosciuto il loro diritto alla libera espressione e alla riservatezza e sancito il principio del "superiore interesse del bambino", indirizzando gli Stati verso una legislazione più severa contro ogni forma di pressione, abuso o violenza vera e proria da parte degli adulti.

La Convenzione è stata ratificata da tutti i paesi del mondo (solo Somalia e Stati Uniti non l'hanno introdotta nei loro ordinamenti), con un numero di Stati aderenti superiore a quello degli Stati membri dell’ONU. Norme riconosciute come universali, che spesso però rimangono sulla carta, considerando la portata ancora vasta di fenomeni come il lavoro minorile o gli abusi sessuali. Per non parlare del fatto che, quest'anno, la celebrazione della Giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza avviene mentre a Gaza si consuma una strage di bambini: fino ad oggi in 18 hanno perso la vita per gli attacchi di Israele.

Strage di bambini nella striscia di Gaza

Le condizioni dei più piccoli nel Mondo vedono ancora crescere il divario tra i bambini dei paesi ricchi e quelli poveri. Il nuovo rapporto Nati Uguali di Save the Children diffuso oggi, raccoglie dati su 32 Paesi in relazione alla salute, all'educazione e alle possibilità di sopravvivenza dei minori. Secondo Save the Children, il divario tra i bambini che vivono in condizioni di povertà e quelli dei Paesi benestanti a livello globale è cresciuto del 35% rispetto al 1990, con un livello di mortalità infantile sotto i 5 anni per i bambini poveri che è il doppio rispetto a quella dei più ricchi.

In Italia è stata istituita anche un'Autority indipendente, l'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, che vigila sulla corretta applicazione delle norme sui diritti dei più piccoli e svolge azione propulsiva nei confronti della legislazione a tutela dei minori. In occasione della Giornata internazionale dell'infanzia 2012, il Presidente dell'Autorità Vincenzo Spadafora ha spiegato l'importanza della celebrazione della Convenzione dei diritti dei minori, soprattutt in un Paese come il nostro che spesso non valorizza i più giovani, soprattutto nei periodi di difficoltà economica: "Investire nei bambini e negli adolescenti per superare la crisi in Italia - ha spiegato Spadafora - E' importante infatti che tutti comprendano che, anche in tempi di crisi economica, gli investimenti nelle politiche e gli interventi per bambini e adolescenti sono indispensabili per cambiare le sorti del nostro Paese e per rendere l'Italia nuovamente competitiva nei prossimi anni".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017