Excite

Giraffa Marius uccisa, scoppia la polemica e il caso diventa internazionale. Enpa: "L'Europa intervenga"

  • Getty Images

Cresce l’indignazione in tutto il mondo per l’uccisione, senza motivazioni accettabili, della giraffa Marius allo zoo di Copenaghen. In rete e non solo è di scena la protesta, partita spontaneamente e adesso appoggiata da diverse associazioni animaliste, per quello che da gran parte dell’opinione pubblica internazionale è stato giudicato un vero e proprio oltraggio alla natura, oltre che un atto crudele e ingiustificato.

Marius, giraffa uccisa in pubblico perchè in sovrannumero: le foto shock

Ad aggravare la situazione, nelle scorse ore, ci aveva pensato il direttore della struttura dove l’animale è stato abbattuto davanti a decine di persone, bambini compresi, per poi essere macellato e dato in pasto ai leoni, sempre in presenza di non pochi spettatori.

Marius, cucciolo di giraffa eliminato in pubblico con un colpo di pistola: orrore allo zoo di Copenaghen

Il cucciolo Marius, stando a quanto dichiarato da Bengt Holst, godeva di ottima salute, come ammesso nei giorni scorsi dal personale dello zoo, ma era in surplus rispetto al tetto massimo di ospiti del parco danese e soprattutto pericoloso ai fini del mantenimento ottimale della catena genetica e quindi della corretta riproduzione, per via della consanguineità con altri esemplari della stessa specie.

Una motivazione che ha fatto saltare sulla sedia migliaia di commentatori, inducendo le organizzazioni ambientaliste a chiedere interventi dall’alto e sanzioni contro i responsabili di una simile atrocità. Come se non bastasse, per salvare la vita a Marius si erano mobilitati in tanti, anche tra i gestori di altre strutture, incontrando un secco rifiuto dei vertici del parco di Copenaghen dopo aver offerto gratuitamente ospitalità all’animale condannato a morte.

Sul piede di guerra, in Italia, sono i rappresentanti dell’Ente Nazionale Protezione Animali, che ha espresso forte indignazione e promesso di investire del caso le più alte istituzioni comunitarie competenti: “Si tratta di un fatto gravissimo e inaccettabile, in violazione di ogni logica” ha denunciato il direttore scientifico dell’Enpa Ilaria Ferri, convinta della necessità di portare avanti da qui ai prossimi mesi una battaglia unitaria, con tutti i soggetti e cittadini interessati, contro la barbarie inaudita di questo ed altri episodi simili.

Il video della morte: immagini forti

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017