Excite

Gli Usa ricordano l'11 settembre: anniversario tra le polemiche, ma senza politici

  • Infophoto

A undici anni dalla strage delle Twin Towers che ha sconvolto il mondo e cambiato per sempre le nostre vite, gli Stati Uniti si preparano a commemorare le vittime dell’attentato terroristico di Al Quaeda morte nell’attacco al cuore di New York. Si celebra oggi l'anniversario dell'11 settembre di undici anni fa, quando alle 14 del pomeriggio ora italiana, arrivava la notizia di un aereo dirottato in direzione di una delle torri, poi quello di un secondo velivolo schiantatosi contro l’altra: una strage raccontata dalle immagini incredibili di due mastodontici simboli americani che si sgretolano portando via con se le vite di 3000 persone. Da allora sono arrivati la guerra in Afghanistan alla ricerca del mandante Osama Bin Laden, poi quella contestatissima in Iraq, e le imponenti misure di sicurezza e di controllo imposte dalla lotta al terrorismo.

Le commemorazioni dell’undicesimo anniversario negli Stati Uniti saranno impregnate delle polemiche pre-elettorali, ma soprattutto dei contrasti sul progetto del Museo della Memoria a Ground Zero, nel vuoto lasciato dalle Twin Towers a Manhattan. La sua realizzazione, che doveva concludersi quest’anno, è stata rinviata al 2013, a causa di contrasti di tipo economico-burocratico tra la Fondazione del Memoriale e del Museo dell'11 settembre e le autorità di New York: un rimbalzo di responsabilità tra il sindaco Bloomberg e il governatore Cuomo che ha fatto slittare ancora l’inaugurazione della struttura, che resta un cantiere a cielo aperto dopo oltre un decennio.

Poi ci sono le polemiche sulle migliaia di lavoratori e volontari che parteciparono alle operazioni di soccorso subito dopo gli attentati e che continuano ad ammalarsi ancora oggi per le esalazioni respirate durante il crollo delle torri. E per la prima volta i politici resteranno ai margini della scena: nessun evento congiunto tra Barack Obama e lo sfidante repubblicano Mitt Romney, come accadde invece nel 2008 quando Obama e John McCain si recarono insieme a Ground Zero. Una circostanza che incontra il favore delle associazioni delle vittime, che hanno chiesto ai politici di tenersi lontani dalle commemorazioni per l'anniversario dell'11 settembre: a Manhattan saranno letti i nomi delle vittime dell’attentato, ma senza proclami retorici da parte delle istituzioni.

Barack Obama alla Convention democratica di Charlotte

Il Presidente in carica parteciperà a una cerimonia alla Casa Bianca, con la moglie Michelle, per poi visitare il Pentagono e l’ospedale dei reduci di guerra in Afghanistan e in Iraq. Nessun discorso pubblico alla Nazione, ma d’altronde ci ha già pensato durante la Convention democratica di Charlotte in cui ha accettato la nomination alle elezioni politiche: “Avevo promesso di concentrare l'attenzione sui terroristi che ci avevano davvero attaccato e l'abbiamo fatto. Una nuova torre sta oggi sorgendo a New York, Al Qaeda é avviata alla sconfitta e Osama bin Laden é morto - ha dichiarato Obama, rivendicando il successo contro numero uno di Al Quaeda - In un mondo di nuove minacce e sfide, potete scegliere una leadership che é stata messa alla prova e ha dimostrato di essere all'altezza”. Oggi la competizione elettorale si ferma doverosamente.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017