Excite

Golden Globe: i vincitori annunciati in conferenza stampa

Sono stati annunciati con una scarna conferenza stampa i vincitori dei Golden Globes, per la prima volta senza festa, star e tappeti rossi.

Lo sciopero degli sceneggiatori USA (che da un paio di mesi sta mettendo in ginocchio Hollywood e l'industria cinematografica e televisiva mondiale), appoggiato ora anche dal sindacato degli attori, ha avuto l'effetto di portare all'annullamento della cerimonia.

Comprensibile l'amarezza di Nikki Blonski, l'attrice lanciata dal musical Hairspray e nominata nella categoria Miglior Attrice Brillante, che qualche giorno fa, aveva dichiarato: "È come se uno avesse preparato tutto: vestito, acconciatura, trucco per la festa di fine anno e poi vengono da te a dirti che la festa è stata cancellata. Doveva essere una serata stupefacente. Ma non ci sarà".

Ma non è solo Nikki ad essere rimasta delusa; quest'anno doveva essere infatti l'anno di Steven Spielberg, a cui doveva essere consegnato il premio alla carriera: appuntamento rimandato all'anno prossimo, dunque.

Tuttavia il valore dei premi assegnati, da sempre indicatori abbastanza attendibili dei prossimi Oscar, la cui cerimonia è prevista per il 24 febbraio, rimane.

La giuria ha eletto, come Miglior film drammatico, Atonement (Espiazione) di Joe Wright, che ha battuto ben sei concorrenti American Gangster di Ridley Scott, There will be Blood (Il petroliere) di Paul Thomas Anderson, No country for old men (Non è un paese per vecchi) dei fratelli Coen, Eastern promises (La promessa dell'assassino) di David Cronemberg, The Great Debaters, che vede per la seconda volta Denzel Washington alla regia, e Michael Clayton, il dramma giudiziario di Tony Gilroy, con George Clooney.

Mentre nella categoria Miglior Commedia o Musical ha trionfato, come era prevedibile, l'attesissimo gothic-musical The damon barber of Fleet Street (Sweeney Todd), uscita italiana prevista per il 25 febbraio), che segna il ritorno di Tim Burton, assente dalle scene dal 2005, anno del remake La fabbrica di cioccolato.
In coppia con lui ancora una volta Johnny Depp che, cantando per la prima volta sullo schermo, si è aggiudicato a sua volta il Golden Globe come Miglior Attore Brillante.

Premio come Miglior Attore Drammatico è andato a Daniel Day-Lewis in There Will Be Blood film che segna il ritorno di un altro cineasta, Paul Thomas Anderson, regista dell'indimenticabile Magnolia.

Tra gli esordi dietro la macchina da presa va menzionato sicuramente quello della canadese Sarah Polley con il malinconico Away from Her che è valso alla veterana Julie Christie il premio come Miglior Attrice Drammatica, mentre come Miglior Attrice Brillante la francese Marion Cotillard ha battuto la giovanissima Nikki Blonski che, data la giovane età ed il talento innegabile, siamo sicuri avrà modo per rifarsi.

Come Migliore Attrice Non Protagonista è stata premiata Cate Blanchett che, per l'interpretazione magistrale di Bob Dylan in I'm not There di Todd Heynes, aveva già vinto a Venezia la Coppa Volpi. Premio analogo sul versante maschile a Javier Bardem, che interpreta i panni dell' assassino psicopatico in No Country for old men dei fratelli Coen, pellicola che ha vinto anche il premio come Miglior sceneggiatura non originale, essendo tratto dal romanzo di Cormac McCarthy.

Infine la pellicola franco-americana Le scafandre et le papillon (Lo Scafandro e la farfalla) di Julian Schnabel si è aggiudicata il premio per la Migliore regia e quello per il Miglior film straniero.

Da ultimo, va segnalata anche la vittoria dell'italiano Dario Marianelli per la Miglior colonna sonora originale in Atonement. Marianelli aveva già ricevuto una candidatura all'Oscar l'anno scorso per Orgoglio e Pregiudizio diretto sempre da Joe Wright.

Di seguito vi presentiamo tutti i vincitori

Tutti i vincitori:

Espiazione - miglior film drammatico

Sweeney Todd - miglior commedia o musical

Daniel Day Lewis - miglior protagonista del film drammatico 'Il petroliere'

Julie Christie - miglior protagonista del film drammatico 'Away from her'

Marion Cotillard - migliore attrice protagonista del musical 'La vie en rose'

Cate Blanchett - migliore attrice non protagonista per 'Io non sono qui'

Javier Bardem - migliore attore non protagonista per 'Non e' un paese per vecchi'

Ethan e Joel Coen- migliore sceneggiatura non originale per 'Non è un paese per vecchi'

Julian Schnabel - miglior regia per 'Lo scafandro e la farfalla'

Il francese Lo scafandro e la farfalla - miglior film straniero

Dario Marianelli - migliore colonna sonora

Ratatouille - miglior film d'animazione

Guaranteed di Eddie Vedder (Pearl Jam) - miglior canzone per 'Into the wild'

Mad Men - miglior serie televisiva drammatica

Glenn Close - miglior attrice drammatica per la serie televisiva 'Damages'

Jon Hamm - miglior attore drammatico per la serie televisiva 'Mad man'

Extras - miglior serie televisiva commedia o musical

Tina Fey - miglior attrice in una serie televisiva commedia o musical in '30 Rock'

David Duchovny - miglior attore in una serie televisiva commedica o musical in 'Californication'

Longford - miglior miniserie o film per la televisione

Queen Latifah - miglior attrice in una miniserie o film per la televisione, 'Life Support'

Jim Broadbent - miglior attore in una miniserie o film per la televisione, 'Longford'

Samantha Morton - miglior attrice non protagonista in una miniserie o film per la televisione, 'Longford'

Jeremy Piven - miglior attore non protagonista in una miniserie o film per la televisione, 'Entourage'




magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016