Excite

Gran Bretagna, chirurgia estetica per bimbi down. E' polemica

Fa discutere il caso di una coppia inglese, i Kirwan, che ha ammesso di stare valutando l'ipotesi di sottoporre in futuro la propria figlia, colpita dalla sindrome di Down, a un intervento di chirurgia estetica. Al Daily Mail la mamma Chelsea ha spiegato che l'operazione correttiva servirebbe a migliorare l'aspetto della piccola Ophelia, che ora a due anni, e renderle così la vita più facile in un mondo dove tutto si basa sull'apparenza. E in Gran Bretagna è esploso un vero e proprio dibattito etico.

Guarda alcune immagini dei Kirwan

Il tabloid si è però chiesto: "Ma siamo sicuri che la decisione di cancellare i tratti che mettono in evidenza la sindrome di Down sarebbe presa soltanto pensando alla felicità della figlia? O siamo di fronte al tentativo di nascondere la sindrome per armonizzare l'aspetto di un bambino a una società che si occupa più dell'apparenza che non dei bambini più deboli?". La famiglia ha precisato che l'intervento per attenuare i segni caratteristici della sindrome di Down avverrebbe quando Ophelia compirà 18 anni. Il padre Laurence, chirurgo plastico di fama mondiale, ha spiegato che l'operazione andrebbe a correggere gli occhi "leggermente troppo distanti fra di loro, le labbra sottili, il naso piatto, la lingua che fuoriesce dalla bocca, il collo grosso". La mamma ha poi aggiunto: "Non è giusto che Ophelia, e altri nella sua stessa condizione, vengano giudicati dalle loro apparenze e magari scartati per un lavoro che invece possono benissimo svolgere. E' un fatto di autostima. Se non se contenta di te stessa, perche' non aggiustare qualcosa? Tutto quello che voglio e' che Ophelia sia felice". La questione ha però diviso l'opinione pubblica.

Quello dei Kirwan non è l'unico caso. La famiglia di un'altra bimba down, Giorgia Bussey, ha già sottoposto a diversi interventi estetici la figlia che ha solo cinque anni. "Viviamo in una società che giudica le persone dalla loro apparenza e queste sono cose che non cambiano nel giro di una notte - ha spiegato Kim Bussey, mamma di Georgia - così è Georgia a doversi adattare alla società piuttosto che il contrario. Chi ci critica spesso parla senza avere dei figli Down. Io non sto cercando di nascondere la sua condizione ma di aiutarla ad avere una vita normale: so come sono i ragazzini, ad esempio, e non voglio che venga presa in giro a scuola". Sono tuttavia in molti ad accusare i Kirwan di avere l'ossessione di un figlio perfetto creato in sala operatoria. Non solo. C'è anche chi ritiene che questi interventi siano una forma di abuso sui minori.

Non è rimasta in silenzio l'Associazione per la sindrome di Down secondo la quale nessuno dovrebbe sottoporsi a un'operazione estetica per diventare più accettabile per la società. Ad esprimere il loro dissenso anche molte famiglie con figli affetti dalla sindrome di Down. "Quello che questi bambini portano nelle nostre vite è così profondo e straordinario, è l’umanità più vera - ha commentato Rosa Monckton, moglie dell’ex direttore del Sunday Telegraph Dominic Lawson e madre di Domenica, oggi 12enne e down - il nostro istinto naturale come genitori è amare i nostri figli non guardare in faccia i nostri piccoli e riflettere su quello che potremmo correggere chirurgicamente negli anni a venire".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016