Excite

Gravina, trovati i cadaveri dei fratelli scomparsi

Il soccorso ad un ragazzino di 11 anni, caduto in un pozzo di una casa abbandonata a Gravina in Puglia, ha fatto scoprire, ieri sera, in fondo al cunicolo, completamente privo d'acqua, resti umani, che hanno subito fatto pensare ai due fratellini scomparsi il 5 giugno 2005, Salvatore e Francesco Pappalardi.

> Le immagini del salvataggio del bambino caduto nel pozzo

> I protagonisti e i momenti salienti del giallo di Gravina

> Le immagini del pozzo del ritrovamento

A confermare il ritrovamento è il questore Vincenzo Maria Speranza: "Date le condizioni in cui sono stati ritrovati i corpi dai vigili del fuoco, sono quelli dei due bimbi morti da tempo. Riteniamo che si tratti dei fratellini Pappalardi".

Le condizioni del bambino che era accindentalmente scivolato nel pozzo, fratturandosi le gambe, recuperato dai Vigili del Fuoco che hanno fatto la tragica scoperta, sembravano inizialmente, buone; in realtà la salute del ragazzino è in pericolo: è stato, questa notte, portato in terapia intensiva ad Altamura e poi al Policlinico di Bari: presenta fratture alla caviglia, a un piede, al bacino e al torace e ferite al volto e ha subito un intervento chirurgico.

II vigili del fuoco del comando provinciale di Bari hanno lavorato tutta la notte per abbattere un muro alto circa un metro e permettere così un più agevole recupero dei due corpicini.

Il padre dei fratelli è in carcere accusato dell'omicidio di Francesco e Salvatore. La madre accorsa subito dopo aver appreso la notizia ha detto: "Non c'è più neanche la mia vita". Poi ricorda che dopo la morte dei figli aveva fatto un sogno nel quale aveva visto i suoi figli precipitare in un baratro.

La diretta

17:31 Il padre dei due fratelli, Filippo Pappalardi, ha dichiarato dal carcere nel quale è detenuto con l'accusa di avere ucciso i figli: "Se c'è un Dio, scopriranno la verità, perchè non hanno cercato in quel pozzo?"

16:58 E' stato sequestrato l'edificio di via Giovanni Consolazione, a Gravina in Puglia, incu sono stati ritrovati i corpi di Ciccio e Tore. L'edificio è stato ribattezzato: la casa delle 100 stanze.

16:24 Il magistrato, Marzano, ha riferito che le scarpe dei due bambini "non sono state trovate esattamente appaiate". E alla domanda se fossero slacciate, ha risposto "apparentemente sì, ma non tutte".

16:10 Il procuratore della Repubblica presso il tribunale di Bari, Emilio Marzano, ha detto che: "Da una prima ispezione è emerso che la condizione attuale dei corpi è una quasi mummificazione".

15:54 Domani i primi risultati degli esami effettuatti sui corpi dei ragazzini. Lo ha dichiarato il dottor Romano, uno dei medici dell'equipe di medicina legale del Policlinico di Bari che ha partecipato nel pomeriggio ai rilievi nel corso della rimozione delle piccole salme di Francesco e Salvatore Pappalardi. "Dalle radiografie - ha proseguito - capiremo se ci sono state fratture a seguito della caduta"

15:29 Sono stati estratti dalla cisterna i corpi di Francesco e Salvatore. I due carri funebri con le bare sono usciti dall'atrio della casa padronale abbandonata. La gente affacciata ai balconi ha salutato con un applauso il passaggio delle bare dei due fratellini. Ciccio e Tore verranno trasferiti al Policlinico dove domani mattina alle 11.00 la madre dovrà effettuare il riconoscimento.

15:19 Il procuratore Marzano conferma i dubbi sulla morte lenta di Ciccio e Tore: "Abbiamo la sensazione, benché debba essere confortata con i dati tecnici, che abbiano subito un'orribile morte".

14:42 Il procuratore della Repubblica di Bari, Emilio Marzano ha confermato che i due corpi ritrovati in fondo al pozzo sono quelli di Salvatore e Francesco Pappalardi: "Per quanto riguarda i due corpicini, dobbiamo confermare ragionevolmente che si tratta di Ciccio e Tore". Per quanto riguarda la posizione del padre dei due fratellini il procuratore ha confermato che "L'impianto accusatorio per ora rimane perché non abbiamo elementi tali che ci consentano di ripensarlo".

14:40 Sembra che i due fratellini abbiamo avuto una morte lenta: da alcuni dati emergerebbe infatti che, per qualche tempo, i bambini possano essere rimasti vivi nella cisterna. I due fratellini non sono quindi rimasti fermi dopo essere caduti o essere stati gettati per i 22 metri del cunicolo. I corpi infatti sono entrambi da un lato, a una distanza l'uno dall'altro di una quindicina di metri, e sono in posizione fetale.

14:12 Nella zona del ritrovamento sono arrivati due carri funebri per le salme di Francesco e Salvatore.

12.25 Gli Ert, 'Esperti ricerca tracce della Polizia scientifica' sono giunti sul luogo del ritrovamento per una serie di rilievi fotografici del pozzo, cui seguirà la ricerca e l'acquisizione di ulteriori elementi tecnici utili alle indagini.

11:57 E' arrivato sul luogo del ritrovamento, in via Giovanni Consolazione a Gravina in Puglia, l'avvocato del padre dei fratellini, Angela Aliani. Il padre, Filippo Pappalardi, è attualmente detenuto in carcere con l'accusa di aver ucciso i figli per una punizione e di averne occultato i corpi.

11:56 Nominato un gruppo di 5 medici legali. Due di loro, Vito Romano e Francesco Introna, sono già sul posto e seguono le operazioni preliminari nella cisterna.

11:42 Si dovrà attendere ancora molte ore prima di riuscire ad estrarre dal cunicolo i corpicini dei fratelli. Lo ha detto il questore di Bari, Vincenzo Maria Speranza, parlando con i giornalisti e ha aggiunto cha la zona del ritrovamento era già stata scrupolosamente setacciata dalla Polizia.

11:06 Il questore di Bari, però, invita anche alla cautela: potrebbe essere stato un incidente a provocare la morte dei due ragazzini: "Io non escludo nulla. Il tempo che si sta perdendo è per la ricerca della verità".

11.00 Sarà la città di Gravina a provvedere alla sepoltura di Salvatore e Francesco Pappalardi. Lo ha dichiarato il Sindaco, Rino Vendola: "La città di Gravina provvederà alla sepoltura di quei due poveri bambini. In questo momento non posso dire altro".

10:55 I corpi di Francesco e Salvatore sono stati trovati uno sopra l'altro, come se i due ragazzini avessere tentato di uscire disperatamente.

10.49 Il questore Vincenzo Speranza conferma gli indizi a carico del padre dei fratellini: "La magistratura ha avallato le ipotesi investigative con sufficienti indizi di colpevolezza nei confronti del padre per tutta una serie di contraddizioni che conoscete bene".

10.47 Si è concluso l'esame del medico legale su i due corpini. Al termine Introna è uscito dalla casa ma non ha rilasciato dichiarazioni. Pochi minuti dopo è rientrato nella casa, dove sono in corso ulteriori rilievi da parte della polizia scientifica.

10:32 Il questore di Bari Vincenzo Maria Speranza, prima di entrare nella casa padronale abbandonata in cui ci sono i corpi dei due ragazzini, ha dichiarato che la Polizia sta cercando una via alternativa per l'accesso al pozzo.

10:14 Anche il Vescovo della diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva, Mario Paciello, si è recato sul luogo per porgere le condoglianze alla madre dei due fratellini: "La notizia ci addolora molto di più della notizia della loro scomparsa il 5 giugno 2006, perchè ci darebbe la certezza della loro fine, mentre finora eravamo sostenuti dalla speranza che i due bambini fossero ancora vivi".

09:30 Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico si trova nella zona per un eventuale intervento di carattere tecnico operativo.

8:58 La polizia scientifica sta effettuando un primo sopralluogo insieme al medico legale, Francesco Introna.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016