Excite

Grecia, sull'isola di Kos i migranti in rivolta contro la polizia

  • Twitter @ecre

Tensione sull’isola di Kos in Grecia in cui si sono sviluppati dei violenti scontri tra i migranti e la polizia. La situazione, già particolarmente tesa a causa di un video diffuso in cui si vede un poliziotto, poi sospeso, maltrattare e spintonare dei migranti, ha raggiunto l’apice in un momento di controllo, quando i poliziotti hanno iniziato la registrazione e la consegna di documenti che si stava svolgendo nello stadio di Kos dove le autorità avevano intenzione di trasferire parte dei 7.000 migranti attualmente sparsi in città e sull'isola.

Leggi della stage di migranti in Libia

Ammassati in una situazione disumana sotto il sole cocente gli immigrati, per la maggior parte di origine siriana ed afghana, hanno iniziato a protestare stremati tanto che i poliziotti sono dovuti di ricorrere anche ai lacrimogeni per cercare di arrestare la guerriglia.

Una situazione al limite, quella vissuta a Kos, in cui i drammi umani dei migranti si scontrano con l’impossibilità di un’accoglienza degna di tale nome, in una situazione che mette ancora più in evidenza quanto il dramma dei rifugiati sia più attuale che mai.

E il sindaco del capoluogo Giorgos Kyritsis, ha lanciato un appello chiedendo l'assistenza immediata da parte del Governo per affrontare la situazione delle migliaia di rifugiati, certo che se non si interverrà “la situazione sfuggirà di mano e scorrerà il sangue”.

(Guarda il video della rivolta dei migranti a Kos)

Nell’isola dimorano ormai 7.000 migranti arrivati clandestinamente in territorio greco e le autorità locali non sono in grado di affrontare da sole le loro problematiche, tanto che il primo cittadino ha chiesto di trasferire altrove gran parte delle 7.000 persone e di dispiegare sull'isola forze speciali di polizia per evitare “situazioni estreme”.

Una condizione incontenibile quella dell’isola di Kos in cui il sindaco ha denunciato l’insufficienza del personale disponibile. Con l’arrivo di circa 600-800 persone ogni giorno infatti non è possibile al personale dell’isola effettuare nello stesso tempo l'identificazione dei migranti e la protezione delle frontiere marittime.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017