Excite

Groupalia: terremoto in Emilia? "Occasione da non perdere". Poi le scuse

  • Twitter.com

Aggiornamento ore 15.15
Groupalia pubblica sul suo profilo di Facebook un messaggio di scuse ufficiali dopo la gaffe sul terremoto. Andrea Gualtieri, Country Manager del sito per l'Italia, scrive: "Sono davvero costernato per quanto accaduto e chiedo scusa alla popolazione colpita dal sisma per averla offesa. Si è trattato di un gesto irresponsabile dettato principalmente da superficialità e inesperienza. La catastrofe che ha colpito la popolazione dell'Emilia Romagna non può e non deve ovviamente essere strumentalizzata; è una disgrazia che merita tutto il nostro rispetto. Mi scuso ancora e, per esprimere vicinanza e solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto, l'azienda ha deciso di effettuare una donazione alla Croce Rossa Italiana, da destinare alle persone coinvolte nel sisma. Inoltre, pubblicheremo nei prossimi giorni un deal solidale, per chiunque voglia essere di aiuto e fare una propria donazione".

Che sia stata colpa di qualche ingenuo stagista? Non si sa. Gli utenti comunque sono rimasti notevolmente delusi dalla scarsa sensibilità del sito e ancora commentano negativamente anche dopo il messaggio di scuse.

Bufera su Groupalia.it dopo una gaffe sul terremoto in Emilia Romagna. Il famoso sito di sconti per vacanze, ristoranti, eventi ed hotel fa un autogol clamoroso pubblicando, a pochi istanti dalle scosse che hanno colpito il Nord, facendo 7 vittime, una superofferta vantaggiosa: "Paura del #terremoto? molliamo tutto e scappiamo a #SantoDomingo!". Agghiacciante ma soprattutto antiproducente, per essere gentili. La questione ci riporta indietro al 2008, a quelle tremende telefonate tra risate e contentezza il giorno dopo il terremoto dell'Aquila.

Segui gli aggiornamenti in diretta dal terremoto

Immediata la reazioni degli utenti di Twitter che hanno manifestato indignazione dall'annuncio pubblicato e si dicono pronti a cancellarsi dal sito di sconti. "Cattivo gusto e idiozia di@GroupaliaIT" è il commento più sobrio che siamo riusciti a trovare. Il resto è un'escalation di parolacce: da "sciacalli" è tutto un divenire. E infatti, dopo un attimo di smarrimento e una valanga di insulti sul proprio account Twitter, Groupalia ha cancellato l'offerta per sostituirla con un messaggio di scuse: "Chiediamo scusa per il tweet sbagliato sul #terremoto non era nostra intenzione offendere nessuno". Per la serie: salviamo il salvabile.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017