Excite

Hamburger artificiale, la sfida dei ricercatori olandesi

  • LaPresse

Un hamburger artificiale prodotto in vitro a partire da cellule staminali di suini. E' questa la sfida di un gruppo di ricercatori dell'Università di Maastricht, in Olanda, che sta lavorando, per l'appunto, al primo hamburger prodotto interamente in laboratorio. Secondo quanto scritto da Mark Post, capo del team di studiosi olandesi, sul News Scientist Magazine, tra sei mesi questo speciale hamburger potrebbe diventare 'l'unica scelta per i consumatori'. Per i ricercatori il costo del primo hamburger prodotto in laboratorio dovrebbe aggirarsi intorno ai 250mila euro, circa 200mila sterline.

L'hamburger in vitro è prodotto a partire da cellule staminali di suini alimentate con siero proveniente dai feti dei cavalli. Le strisce di muscoli create sono poi attaccate a fasce di velcro che le allungano per garantirgli la stessa costituzione ed elasticità della carne vera. Ad oggi ancora i risultati non sono dei migliori. L'aspetto degli hamburger prodotti in laboratorio, infatti, appare ben diverso da quello della carne tradizionale derivata da un normale processo di allevamento e macellazione. Il colore dell'hamburger in vitro è biancastro e la sua consistenza non è affatto croccante. Insomma, il prodotto sembra tutt'altro che invitante. A tal proposito Post ha spiegato: 'Il colore chiaro è dovuto alla mancanza di sangue e alla scarsità di mioglobina, proteina che contiene ferro. Stiamo cercando dei modi per aumentare il livello di mioglobina per far sì che la carne in vitro assuma un colore naturale'.

Ma quali potrebbero essere i vantaggi di un hamburger creato in laboratorio? Innanzitutto costi e tempistiche minori. E poi il taglio degli allevamenti porterebbe a una diminuzione di miliardi di tonnellate di gas serra e un consumo di terra inferiore di quasi il 99 per cento. Non solo. La creazione di un mercato artificiale di carne di vitello, suino, pollo e tacchino, permetterebbe di far fronte ad un eventuale aumento della popolazione mondiale, che metterebbe a rischio la capacità delle fattorie di produrre una quantità di carne sufficiente per il fabbisogno delle persone.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017