Excite

Yara Gambirasio, si parla di un identikit dell'assassino

Proseguono le indagini sull'omicidio di Yara Gambirasio. Si attendono i risultati dell'autopsia e nel frattempo si analizzano gli elementi a disposizione. Come la testimonianza di una donna di Ambivere che, il giorno della scomparsa della 13enne, ha raccontato di aver visto un furgone bianco, malconcio, dal quale provenivano grida di donna. E poi ci sono le prime ipotesi che con il passare del tempo si fanno sempre più verosimili, come quella secondo la quale il delitto è stato compiuto d'impeto. Ipotesi che lascia sperare nel ritrovamento di qualche traccia utile per scovare l'assaasino.

Tutte le notizie su Yara Gambirasio

E proprio in queste ore si parla di un possibile identikit di chi ha strappato la vita a Yara. Il Tgcom ha riportato alcune indiscrezioni secondo le quali l'assassino di Yara sarebbe un uomo alto circa 1,75 m. e di peso compreso tra i 73 e i 75 kg. A quanto pare questi primi elementi sarebbero emersi dall'autopsia del corpo della ragazzina e dall'esame delle otto coltellate inferterle.

Le immagini del ritrovamento del cadavere di Yara Gambirasio

Il video del luogo del ritrovamento del corpo della tredicenne di Brembate

Ieri, seconda domenica dopo il ritrovamento del corpo della 13enne, durante l'omelia della messa il parroco di Brembate Sopra don Corinno Scotti ha detto che Yara è una martire, una santa. 'Lei è come Santa Maria Goretti morta per proteggere la sua castità. E' una santa' ha detto don Corinno Scotti. Rivolgendosi poi alla comunità il sacerdote ha affermato: 'Non bisogna preoccuparsi che venga fatto male ai vostri figli ma anche che i vostri figli non facciano del male. Preferireste essere i genitori di Yara, oppure di un ragazzo che compie questi delitti?'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017