Excite

Il caricabatterie universale sarà presto realtà

In Eurpa circolano circa 30 modelli diversi di caricabatterie incompatibili tra loro e ogni nuovo cellulare porta con sé nuovi dispositivi per ricaricarlo, aumentando notevolmente questo numero. A tal proposito l'Itu (Unione internazionale delle telecomunicazioni) ha dato il via libera alla creazione di un caricabatterie universale.

Con la nuova Universal Charging Solution (Ucs), potranno essere ridotti il numero di caricatori prodotti e diffusi, questo a vantaggio sia dei consumatori sia dell’ambiente. Infatti, tale soluzione porterebbe a un risparmio del 50% del consumo di energia in stand-by e la potenziale eliminazione di 51 mila tonnellate di fili doppioni molto inquinanti se non smaltiti correttamente, oltre alla riduzione di 13,6 tonnellate di emissioni di gas serra ogni anno. Gli utenti saranno agevolati, perché non dovranno cambiare, senza motivo, il caricatore per ogni cellulare acquistato.

L’idea di un nuovo standard Ucs per un caricabatterie universale si basa su un contributo della Gsma, l’associazione che rappresenta gli interessi dell’industria della telefonia mobile, e grazie a una porta micro-ubs, questi avranno un’efficienza “quattro stelle” o superiore, con prestazioni fino a tre volte superiori rispetto a un caricabatterie senza classificazione. L’Itu ha spiegato: "Tutti gli utenti beneficeranno dalla nuova Universal Charging Solution (Ucs), che permette allo stesso caricatore di essere utilizzato per qualsiasi dispositivo, indipendentemente dalla marca e dal modello. Alcuni produttori stanno già incorporando l'Ucs nei loro telefoni".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016