Excite

Il 'mostro del Circeo' si è sposato. E' polemica

Ieri mattina il 'mostro del Circeo' Angelo Izzo e la giornalista Donatella Papi si sono sposati nel carcere di Velletri, dove l'uomo sta scontando i due due ergastoli ai quali è stato condannato per i fatti del Circeo risalenti agli anni '70 e per un duplice omicidio commesso nel 2005 a Ferrazzano, in provincia di Campobasso. Uscendo dall'istituto penitenziario Donatella Papi ha detto: 'Ho sposato l'uomo che amavo da sempre. Lui ha detto sì alla donna che lo aspettava da tutta una vita. E' stato un vero matrimonio d'amore'.

L'avvocato di Izzo, Filomena Fusco, ha raccontato: 'Ho parlato con Izzo ed era assolutamente tranquillo, ha accolto la proposta di matrimonio della Papi come un'opportunità positiva e di cambiamento'. Il legale ha però aggiunto: 'Allo stato Izzo è stato dichiarato capace di intendere e di volere, quindi, può contrarre qualunque atto che abbia effetti giuridici, compreso il matrimonio. Per contro, secondo noi avvocati, Izzo non doveva essere considerato tale e di conseguenza riteniamo che anche il valore di questo matrimonio sia per lui diverso rispetto a come viene comunemente inteso dagli altri. Probabilmente questo gesto è partito dalla Papi ed è stato poi accolto da Izzo in modo favorevole, ma non credo si possa parlare appieno di un matrimonio come tutti gli altri. Non conosco le vere motivazioni della Papi, non posso escludere si tratti di un gesto umanitario, di una persona che vuole stare dalla parte degli ultimi. Ma possono esserci altre ragioni che in questo momenti mi sfuggono o che mi voglio far sfuggire'.

Alle parole dell'avvocato Fusco ha così replicato la Papi: 'L'avvocato non conosce le motivazioni che hanno portato al matrimonio, nè era presente alla cerimonia di oggi. Non ci riconosciamo nelle dichiarazioni che liberamente sta rendendo il legale sulle ragioni e sui sentimenti della nostra scelta'.

Le nozze di Izzo con la giornalista sono state commentate anche da Letizia Lopez, sorella di Rosaria, seviziata a morte da Izzo, Gianni Guido e Andrea Ghira nella villetta del Circeo a metà anni Settanta. La Lopez ha detto: 'Mia sorella direbbe: povera Papi la farà fuori sicuramente. E non ci sono dubbi, ma del resto ognuno sceglie come morire e lei evidentemente vuole morire tra le braccia di Izzo. A meno che non lo uccida lei per difendersi'.

La donna ha poi aggiunto: 'Che oggi si siano sposati non mi interessa nulla chiunque è padrone della propria vita. Ma la Papi non deve offendere le vittime che non si possono più difendere: mia sorella, Donatella, Maria Carmela e Valentina. La Papi non può permettersi di dire che Izzo è innocente. Ci sono stati dei processi, è stato condannato e lui ha anche ammesso di averle uccise. Quindi la Papi non può dire cose false, fantasiose e soprattutto vergognose'.

La Lopez ha poi affermato di essere 'seriamente' preoccupata per il figlio della Papi. 'Spero che il padre protegga questo giovane da Izzo - ha detto la donna - anche perché la Papi sembra una persona malata. Se si osservano con attenzione, Izzo e Papi si somigliano, sembrano fratello e sorella. Speriamo che stavolta sia una donna ad ammazzare Izzo. Ma io non voglio che muoia, io voglio che soffra, come me, su questa terra'.

Foto: roma.corriere.it

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017