Excite

Il padre di Lorena: "Ergastolo per i tre ragazzi"

Giuseppe Cultraro, padre di Lorena Cultraro la 14enne di Niscemi trovata semi-carbonizzata in un pozzo, è disperato. Il suo dolore è tutto per l'amata figlia che non c'è più e per le amare confessioni rilasciate dai tre ragazzini minorenni che hanno spezzato quella giovane vita. "Mia figlia non ci aveva mai detto nulla sulla possibilità che fosse incinta - ha affermato il padre della povera ragazza - non ne aveva parlato neanche con sua madre e io non ci credo. Se questi ragazzi sono colpevoli devono andare all'ergastolo, non devono uscire più dalla galera. Quello che hanno fatto è terribile, non ci sono parole".

Una ferita profonda quella inferta alla famiglia di Lorena ed ora la rabbia contro quei "mostri di Niscemi" è tanta. Nella cittadina i coetanei della giovane hanno organizzato una manifestazione con tanto di striscioni sui quali hanno scritto: "Lorena hai pagato con la vita per la tua ingenuità"; e ancora "Fuori i mostri da Niscemi", "Giustizia". Nella scuola frequentata da Lorena è stata organizzata anche un'assemblea per discutere del terribile omicidio.

I tre ragazzi minorenni di 15, 16 e 17 anni, che hanno confessato l'omicidio della 14enne, sono ora accusati di omicidio premeditato e occultamento di cadavere. A quanto pare Domenico, 16 anni, con un sms inviato agli altri due minorenni ha dato l'ordine di uccidere Lorena. Lo ha rivelato Alessandro, 15 anni, che ha poi aggiunto: "Ero davanti alla scuola di Niscemi insieme a Giuseppe e Domenico. Lorena era lì, e quando ci ha visto arrivare ci ha detto che era sua intenzione incolpare uno di noi tre del fatto che era incinta".

"Quando è scomparsa abbiamo ipotizzato una scappatella - ha raccontato il padre della 14enne - poi, col passare dei giorni, abbiamo pensato al peggio. Non conosciamo i ragazzi che sono stati arrestati forse li abbiamo visti qualche volta, ma non sappiamo proprio chi sono. Lorena era una bella bambina, sempre allegra, ma era soprattutto una ragazza tranquilla".

L'omicidio di Niscemi ha distrutto la famiglia di Lorena, ma anche quella dei tre ragazzi. "Se lo tengano dentro e sconti la sua pena che sarà il dolore eterno per me e sua madre - ha detto il padre del "fidanzatino" della 14enne - ma sempre niente rispetto a quello dei genitori di Lorena". Dure anche le parole del padre dell'altro minorenne, Giuseppe: "Devono pagare per questo sfregio alla vita e devono sapere quel padre e quella madre che noi siamo con loro, non con i nostri figli".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016