Excite

Il Ponte sullo Stretto non si fara'

Il Ponte sullo Stretto resta un argomento di grande attualità e di discussione.
L'ultimo atto della saga viene dalla Camera che ieri ha approvato la mozione del centrosinistra che stoppa la sua costruzione. Il motivo? "Non è un'opera prioritaria".
Il governo ha dunque preferito impegnare i fondi destinati alla grande opera per realizzare interventi migliorativi in tema di viabilità nel Mezzogiorno: in particolare il completamento della Salerno-Reggio Calabria e il miglioramento della rete autostradale siciliana.

I Verdi, da sempre contrari al progetto e l'Udeur hanno accolto l'approvazione della mozione con grande sollievo: "E' una chiara impostazione che l'Unione si è data con il suo programma elettorale", ha dichiarato Mauro Fabris, esponente dell'Udeur. "L'impegno è di utilizzare le risorse, originariamente previste per costruire il Ponte, per realizzare le infrastrutture che ancora mancano in Calabria e in Sicilia e più in generale nelle regioni meridionali che soffrono di una assenza cronica ormai di infrastrutture".

L'opposizione, ovviamente, non è stata a guardare e ha subito reagito con grande sdegno.
"Il governo e la sua maggioranza di centrosinistra hanno fatto una scelta da esecutivo coloniale, contro il Sud", ha commentato il leader del Movimento per l' autonomia, Raffaele Lombardo."Il governo Prodi e la sua maggioranza di centrosinistra espropriano la Sicilia e la Calabria dell'opera pubblica più importante, la madre di tutte le infrastrutture".

Per il governatore siciliano Salvatore Cuffaro, si tratta di una ritorsione contro i siciliani che hanno scelto il centrodestra alle elezioni regionali. Il Presidente della Regione sicilianase la prende soprattutto con i politici siciliani del centrosinistra che hanno votato a favore della mozione: "Dispiace che il voto alla Camera dei Deputati contro la realizzazione del Ponte sullo Stretto sia stato determinato in gran parte dal voto dei deputati siciliani che hanno preferito agli interessi della Sicilia e dei siciliani quelli propri e dei partiti a cui sono iscritti".
La cosa certa è che il dibattito non finirà qui.

E voi da che parte state?

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016