Excite

Il selfie del serial killer, foto scattata dopo aver ucciso: "Era assetata di sangue"

  • Daily Mail

Joanna Dennehy e i suoi complici amavano coronare i loro crimini con qualche selfie ricordo, da conservare per vantarsi reciprocamente delle terribili azioni delittuose compiute in giro per il Paese.

Gli scatti, finiti nelle mani delle forze di polizia dopo la cattura della pericolosa serial killer, mostrano la donna in posa con in mano un grande e affilato coltello, oppure in atteggiamento ammiccante mentre mostra orgogliosamente le ferite da taglio sul torace a dimostrazione della propria indole violenta.

Tre gli omicidi accertati dagli inquirenti britannici, che tra aprile e maggio del 2013 hanno rinvenuto i corpi delle vittime nei pressi di Peterborough, nel Cambridgeshire, coi segni delle pugnalate inferte dalla giovane assetata di sangue sfuggita alla giustizia per lungo tempo.

Linguacce, gesti triviali e altre prodezze venivano immortalate da Gary Richards e Mark Lloyd, responsabili degli efferati omicidi e della caccia all’uomo proseguita ad oltranza, per volontà della stessa Dennehy, alla ricerca di nuovi bersagli umani da colpire senza pietà.

Fortunatamente, per 3 colpi andati a segno come da programma, altri tentativi non hanno avuto eguale sorte, mentre il materiale fotografico finito al vaglio della Corte competente dovrebbe servire a mettere in ordine importanti tasselli per la ricostruzione dei piani criminali della banda.

Uno dei corresponsabili dei delitti, in particolare, ha raccontato ai giudici dei diabolici metodi studiati dalla ragazza per ottenere la sua collaborazione: carezze e attenzioni morbose sarebbero state utilizzate sistematicamente allo scopo di convincere il complice di turno, nello specifico Lloyd, a partecipare all’occultamento dei cadaveri delle persone uccise.

La spasmodica ricerca di vittime innocenti da trucidare, in qualche modo scandita dalle più che allusive istantanee selfie ormai diventate di dominio pubblico, era la vera ragione di vita di Joanna, fermata dagli agenti prima che la spirale di sangue proseguisse all’infinito.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017