Excite

Il seno rifatto non era soddifacente, risarcita

Il tribunale civile di Milano ha condannato un chirurgo plastico di una clinica privata milanese a risarcire con quasi 11mila euro una donna di 38 anni che, nel maggio del 2003, si è sottoposta ad un intervento di mastoplastica additiva con la speranza di riconquistare le forme che aveva a 25 anni. Ma a quanto pare il risultato non ha rispecchiato le aspettative. I quasi 11mila euro che il medico dovrà versare alla donna comprendono il costo dell'intervento e il danno alla salute.

Come spiegato dal giudice della quinta sezione civile, Damiano Spera, 'non possono ravvisarsi nel caso di specie profili di colpa professionali in capo al convenuto'. Nessun errore, dunque, da parte del chirurgo che, però, avrebbe sbagliato a promettore qualcosa di irrealistico. Il giudice, infatti, ha aggiunto che il medico ha promesso troppo e l'intervento non ha 'prodotto il risultato concordato interpartes'.

A quanto pare, infatti, prima di sottoporsi all'intervento la donna ha portato al chirurgo una fotografia del suo decolté di quando aveva 25 anni e il medico le ha promesso che 'avrebbe avuto lo stesso seno che aveva prima della maternità e come raffigurato nella foto'. Ma le promesse sono state disattese e, a quanto pare, dopo tre mesi dall'operazione la donna non solo non ha riscontrato i risultati, ma ha anche notato 'un abbassamento del seno'. A quel punto la donna ha deciso di recarsi da un altro medico e di sottoporsi a un secondo intervento 'di sostituzione di protesi mammaria'.

Foto: wikipedia.org

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017