Excite

Il Vaticano all'attacco del caso Eluana: "impugnamo la sentenza"

E' una "grave sentenza" quella presa ieri mattina dai giudici della Corte d'Appelo di Milano sul caso Eluana Englaro, secondo Scienza e Vita.


"Nessun tribunale aveva mai accolto la richiesta", sottolinea l'Associazione all'emittente pontificia Radio vaticana: "si legittima l'uccisione di un essere umano privandolo delle cose piu' elementari: l'alimentazione e l'idratazione. La societa' dei sani ha deciso di non prendersi cura di un essere umano in condizioni di grandissima fragilita' e dipendenza, condannandolo ad una morte atroce per fame e per sete".

Cosa ne pensi, sei d'accordo con la sentenza dei giudici?

L'attacco contro il caso Eluana arriva dal Vaticano nella persona di mons. Rino Fisichella, neopresidente della Pontificia accademia per la vita: "Di fatto è un'azione di eutanasia. La sentenza può essere impugnata presso una corte superiore e c'è la possibilità di ragionare con maggiore serenità e meno emotività".

"Eluana è ancora una ragazza in vita, il coma è una forma di vita e nessuno può permettersi di porre fine a una vita personale - aggiunge Fisichella-. Profondo stupore per come sia possibile che il giudice si sostituisca in una decisione come questa alla persona coinvolta, al legislatore perché non mi risulta che in Italia ancora ci sia una legislazione in proposito, e anche soprattutto ai medici che hanno competenza specifica del caso".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016