Excite

Il Vaticano apre al preservativo?

In Vaticano pare sia pronto un dossier lungo duecento pagine, opera del presidente del dicastero vaticano, Cardinale Javier Lozano Barragan,  su incarico di Papa Benedetto XVI.
Sin qui nulla di strano se non fosse che le duecento pagine trattano un tema tabù o quasi per la Chiesa: il preservativo.

Barragan ha chiarito: “Quello sull’uso degli anticoncezionali è un punto che sta molto a cuore al Pontefice, e seguendo questo sua volontà abbiamo svolto un attento studio sul profilattico sia dal lato scientifico che morale”.
In questo momento il dossier è allo studio del Dicastero, poi passerà tra le mani del Papa.

“Attendiamo dicano ciò che sia più conveniente su questo tema- ha aggiunto Barragan- Penso che nessuna risposta della Chiesa debba essere tale da favorire il libertinaggio sessuale. Questo lo dobbiamo sapere chiaramente”. Le duecento pagine in questione potrebbero trasformarsi in un manuale con le indicazioni della Chiesa sull’uso degli anticoncezionali. Quello che ancora non è certo è se (e quando) il documento verrà pubblicato e soprattutto se confermerà il «no» al profilattico o se introdurrà qualche elemento di permissività (come, ad esempio, all'interno di una coppia di coniugi, di cui uno sieropositivo).

Da brividi, ancora oggi, le cifre sulla diffusione del virus Hiv nel mondo, con 40 milioni di persone infettate, 8.000 morti al giorno e un trend tutt'altro che in diminuzione, tanto che anche recentemente autorevoli uomini di Chiesa - si pensi ai cardinali Carlo Maria Martini, il belga Godfried Danneels, lo svizzero Georges Cottier, l'inglese Cormac Murphy Ò Connor o il vescovo sudafricano Kevin Dowling - hanno guardato all'uso del profilattico come al «male minore», se esso impedisce il contagio mortale dell'Hiv.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016