Excite

Incendio su traghetto italiano in Grecia, centinaia di passeggeri tra le fiamme: maltempo ostacola i soccorsi

  • Twitter @corrybrand

Un incendio nel garage delle autovetture, divampato prima dell'alba a bordo del traghetto italiano diretto da Igoumenitsa al porto di Ancona, ha messo a repentaglio per diverse ore la vita di centinaia di persone a largo dell'isola di Corfù in Grecia.

Corsa contro il tempo per il salvataggio dei passeggeri in mare a Corfù: le foto

Ancora in corso sono le operazioni di messa in sicurezza della nave, mentre in soccorso dei passeggeri sono giunte sul posto alcuni mercantili dirottati dalla Capitaneria locale per velocizzare l'evacuazione dei naufraghi sfuggiti alle fiamme dopo l'allarme scattato intorno alle 5,30 del mattino.

Diverse le scialuppe gettate in acqua sin dai primi momenti successivi all'incidente, quando il personale di bordo ha provato a mettere in salvo i viaggiatori, dando la precedenza a donne, anziani e bambini come sempre accade in situazioni di emergenza.

Secondo quanto riferito fino ad ora dai media greci, dei 466 passeggeri in 170 sarebbero riusciti a raggiungere il più vicino scalo sulle scialuppe, con 55 membri dell'equipaggio rimasti a bordo del traghetto.

(Incidente a Corfù, a rischio la vita dei passeggeri di un traghetto: i soccorsi, video)

Difficile l'azione dei soccorritori, ostacolati dalle problematiche condizioni metereologiche nell'avvicinamento alla nave: un black out elettrico aveva impedito ai marinai della Norman Atlantic di utilizzare tutte le imbarcazioni di salvataggio ospitate a bordo, costringendo molti passeggeri a rifugiarsi ai piani più alti per evitare il peggio in attesa di aiuto.

Grecia, guerriglia nel giorno dell'anniversario della morte di Alexis Grigoropoulos

Il coordinamento dei soccorsi, spettante alla Grecia in base al diritto internazionale data la distanza di 25 miglia dalle coste dell'Italia del traghetto in fiamme, ha puntato sull'intervento di motovedette della Guardia Costiera e di mercantili che viaggiavano sul versante sud del mare Adriatico.

Dalle basi di Grottaglie e Catania sono poi decollati alcuni elicotteri dell'Aeronautica e della Marina Militare italiana, preceduti da due aerei, altrettanti rimorchiatori e sette navi all'opera da subito per supportare gli operatori delle unità di salvataggio dirette dalle autorità di Atene.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017